Pubblicato il

Una "Vita da social" al Marconi

CIVITAVECCHIA – Oltre 600 studenti del biennio dell’Istituto Marconi di Civitavecchia, hanno partecipato il 14 e il 15 gennaio alla due giorni di “Una vita da social: un viaggio nella rete senza pericoli”, un progetto curato dalla Polizia Postale ed effettuato in collaborazione con il Ministero della Pubblica istruzione.
Gli incontri, articolati in due giornate, sono stati fortemente voluti dal dirigente scolastico Nicola Guzzone soprattutto per il notevole valore educativo ed organizzati dalla Prof. C. Cogoni, Figura Strumentale che si occupa  del coordinamento dei rapporti con gli enti e le istituzioni del territorio.
“Il progetto “Una vita da social..” – hanno spiegato dall’istituto – è nato con l’obiettivo di far comprendere agli studenti l’importanza della legalità, i rischi che corrono, le sanzioni previste dalla legislazione quando navigano in Rete. Le giornate, animate con grande perizia dai relatori Paola Turi e Fabiano Curti, entrambi assistenti della Polizia di Stato, sono state caratterizzate da una comunicazione efficace, intervallata da brevi spot che hanno coinvolto e spesso sollecitato gli studenti a porre domande, a sciogliere dubbi. Nel corso delle giornate sono stati fatti focus sui social network, il cyber bullismo, l’adescamento e presentati esempi concreti del disagio derivato da un uso errato e poco consapevole dei social network. Infatti in una società come quella in cui viviamo, caratterizzata da numerosi mezzi di comunicazione, è internet che fa la parte del leone. Ma è proprio sul web che tutto sembra una opportunità, e rimangono celati ai più i rischi e i pericoli. Spesso la Rete intrappola e solo in apparenza consola,  riempiendo la solitudine di molti ragazzi. Questa è l’amara conclusione alla quale si è arrivati, ma anche un grande punto di partenza dove la scuola può giocare la sua partita vincente”.

ULTIME NEWS