Pubblicato il

Divorzio, se è consensuale basta la firma del sindaco

Divorzio, se è consensuale basta la firma del sindaco

TARQUINIA. Stamattina nella città etrusca la prima applicazione della normativa che consente di evitare avvocati e tribunali. Mazzola ha stipulato l’accordo in qualità di ufficiale di stato civile

TARQUINIA –  Se è consensuale, il divorzio diventa più facile. Basta la firma del sindaco. La normativa, art. 12 del decreto legge 132/2014, convertito in legge 162/2014, a Tarquinia è stata applicata per la prima volta stamattina, con il sindaco Mauro Mazzola che ha firmato un accordo di divorzio, applicando la norma che permette in sostanza di separarsi o divorziare in maniera consensuale senza l’obbligo di rivolgersi ad avvocati o tribunali, ma semplicemente mediante un accordo da stipulare davanti al sindaco, quale ufficiale di stato civile. Per attivare la procedura occorre presentare una richiesta congiunta al sindaco o suo delegato, del Comune di residenza di uno dei coniugi, o del Comune presso cui è iscritto o trascritto l’atto di matrimonio, con l’assistenza facoltativa di un avvocato. Rispetto alle separazioni e ai divorzi di natura giudiziale, la procedura davanti a un sindaco è rivolta, in via esclusiva, a tutte quelle coppie che non abbiano figli minori, figli maggiorenni portatori di handicap grave, figli maggiorenni economicamente non autosufficienti. Anche alla presenza di figli è prevista dalla legge una procedura semplificata cui è possibile ricorrere: la negoziazione assistita.

ULTIME NEWS