Pubblicato il

Invasione di animali sulla Braccianese: monta la protesta

Tolfa. Venerdì pomeriggio mucche hanno invaso la carreggiata

Tolfa. Venerdì pomeriggio mucche hanno invaso la carreggiata

TOLFA – Invasione di mucche negli ultimi giorni sulla strada provinciale 3/B Braccianese Claudia Tolfa-Santa Severa. L’ultimo episodio registrato è stato venerdì pomeriggio quando un gruppo di mucche hanno oltrepassato i recinti e hanno invaso la carreggiata creando una situazione di estremo pericolo. Sul posto sono accorsi i carabinieri di Tolfa, gli uomini del Corpo Forestale di Tolfa e i vigili urbani di Tolfa. Purtroppo non è stato possibile risalire ai proprietari dei bovini perché mancanti del microchip, quindi le forze dell’ordine hanno provveduto a sgomberare la strada e a portare le mucche in un recinto libero con la speranza che queste non tentino di nuovo la fuga. Ieri pomeriggio invece a spaventare non poco i poveri passanti è stato un toro che ha invaso la stessa carreggiata mettendo a repentagli o la sicurezza stradale di tutti. Anche in questo caso è stato necessario l’intervento della Protezione Civile e dei vigili urbani. «Le forze dell’ordine nel nostro grande territorio sono poche se poi – spiega una residente di Tolfa – siamo costretti tutti i giorni a impegnarne un gruppo per gli animali che escono dai recinti si mette a repentaglio la sicurezza di tutti». Forte l’indignazione della gente stanca di denunciare questo problema e chiedono un intervento duro delle forze dell’ordine per punire proprietari dei fondi che hanno i recinti rotti o mancanti. I residenti di Tolfa continuano a puntare il dito verso l’Agraria proprietaria della maggior parte dei terreni di questa area e dove spesso si verificano questi problemi. Forestale, carabinieri e vigili urbani non possono però multare i proprietari dei fondi fino a che come dice la legge gli animali non provochino danni a terzi o alle cose di terzi. «Continuiamo a denunciare che gran parte delle recinzioni (non solo dell’Agraria ma anche di altri privati) sono rotte e – srivono alcuni residenti – addirittura, ci sono punti in cui manca il recinto e quindi i pascoli sono incustoditi. Chiediamo che venga ripristinata al più presto ogni tipo di recinzione». (Ro. Mo.)

ULTIME NEWS