Pubblicato il

Furti: Tidei ripropone il progetto sicurezza

CIVITAVECCHIA – “La nuova ondata di furti ha trovato la città indifesa: un progetto del Governo Tidei prevedeva la messa i sicurezza tramite un sistema di video sorveglianza, a cominciare dalle zone più a rischio, come Boccelle, Casaletto Rosso e San Gordiano, e dagli ingressi alla città ed ai quartieri. Il progetto giace però dimenticato dalla Giuta Cozzolino in qualche cassetto”. Lo ha ricordato l’ex sindaco Pietro Tidei che ha presentato una interpellanza urgente sul tema. “Sono sempre più gravi e crescenti i rischi sia economici che sociali derivanti dalla criminalità comune – si legge nel documento – sicuri di essere “invisibili” i malviventi non si arrestano di fronte a qualsiasi recinzione e dimostrano sempre maggiore audacia, entrando nelle case anche in pieno giorno, incuranti della presenza di bambini o anziani. Rubano e se ne vanno indisturbati”. Tidei si chiede quindi che fine abbia fatto il progetto che prevedeva la creazione di una centrale di monitoraggio presso i vigili urbani. “Peraltro si trattava di un progetto a costo zero – ha aggiunto – il Comune avrebbe messo sotto controllo le vie principali badando anche a “sorvegliare” il patrimonio pubblico dall’altra piaga ovvero il vandalismo. Sorvegliando gli accessi alla città, sarebbe stato anche più facile monitorare gli introiti della “tassa di ingresso” imposta ai bus turistici i cui reali risultati sono oggi ben al di sotto sia delle potenzialità che delle aspettative. Una volta monitorate le aree strategiche, i privati avrebbero avuto facoltà di collegare alla rete altre telecamere a salvaguardia della loro proprietà accollandosi l’onere”.

ULTIME NEWS