Pubblicato il

Privilege: la Procura vuole vederci chiaro

Privilege: la Procura vuole vederci chiaro

Il pm Del Giudice ha già acquisito una serie di carte e documenti sulla società di megayacht. Sotto la lente di ingrandimento finanziamenti, garanzie e conduzione del lavoro in questi otto anni. Ieri una delegazione guidata da La Via ricevuta dal sindaco Cozzolino: al via una manovra per conferire l’azienda in un fondo di investimenti internazionale quotato sul mercato

CIVITAVECCHIA – La Procura vuole vederci chiaro sulla vicenda Privilege Yard e sembra aver spinto il piede sull’acceleratore. Dei quattro fascicoli aperti, la maggior parte sono legati alla sicurezza sul lavoro, ma solo uno, quello più consistente affidato al sostituto procuratore Lorenzo Del Giudice, si concentra sugli aspetti economico finanziari della società. Da dove sono arrivati i finanziamenti? Quale tipo di garanzie sono state fornite? In che modo si è lavorato in questi anni? Queste alcune delle domande a cui dovrà cercare di rispondere la Procura che ha già acquisito una serie di carte e documenti dalla stessa società. Su indagati ed ipotesi di reato vige il massimo riserbo. Intanto ieri pomeriggio i vertici di Privilege guidati da Mario la Via, insieme ad un advisor internazionale e ad uno dei massimi creditori, sono stati ricevuti dal sindaco Cozzolino. A quanto pare la Shipping investment limited, socio unico della società, starebbe per conferire Privilege in un fondo di investimenti internazionale quotato sui mercati esteri: questa manovra dovrebbe assicurare la garanzie per il finanziamento atteso per far ripartire il cantiere. Intanto i vertici di Privilege sono stati convocati per il 2 marzo in Comitato Portuale, alla presenza anche della Regione.

ULTIME NEWS