Pubblicato il

Esplosivo a bordo: allarme al porto

Esplosivo a bordo: allarme al porto

La Polizia di frontiera ieri sera ha dovuto effettuare controlli approfonditi sulla nave Tunisi-Palermo. Un cittadino tunisino che aveva prenotato un posto poltrona è sparito misteriosamente lasciando la sua auto parcheggiata nella stiva. A causa di anomalie riscontrate sul veicolo è stato chiesto l’intervento degli artificieri

CIVITAVECCHIA – Ieri sera un piccolo mistero ha allertato le forze di Polizia di frontiera di Palermo e di Civitavecchia. A bordo del traghetto proveniente da Tunisi, non c’era traccia di un cittadino tunisino regolarmente registrato nelle liste passeggeri , mentre veniva segnalata a bordo, regolarmente parcheggiata nella stiva, l’autovettura al suo seguito. Dai primi accertamenti effettuati risultava che lo straniero aveva prenotato un posto poltrona  ma, dopo minuziosi controlli,  gli agenti operanti hanno escluso la presenza a bordo sia dello straniero che di eventuali bagagli abbandonati. A Civitavecchia il personale della Polizia di frontiera diretto dalla dottoressa Lorenza Ripamonti, dopo aver immediatamente effettuato ulteriori minuziosi controlli dei passeggeri presenti a bordo,  procedeva, con l’ausilio di specifiche apparecchiature in uso alle forze di sicurezza dell’Autorità portuale, ad un controllo esterno al veicolo da cui si evinceva la presenza, seppur in bassa percentuale, di componenti di sostanze esplosive di tipo militare. Veniva quindi richiesto l’intervento della squadra artificieri di Fiumicino che, immediatamente recatasi sul posto, ispezionava il veicolo, mentre per motivi di sicurezza tutte le persone dell’equipaggio venivano fatte scendere dal traghetto. Per fortuna, l’ispezione degli artificieri dava esito negativo e permetteva di autorizzare il regolare svolgimento delle operazioni in banchina. Attualmente sono in corso indagini per rintracciare il proprietario del veicolo.

ULTIME NEWS