Pubblicato il

“Caci riporta a nove i responsabili di settore”

Montalto. Il consigliere d’opposizione Salvatore Carai contesta la scelta del sindaco. Nel mirino la responsabile Urbanistica: Caci sceglie la moglie del presidente di Obiettivo Comune"

Montalto. Il consigliere d’opposizione Salvatore Carai contesta la scelta del sindaco. Nel mirino la responsabile Urbanistica: Caci sceglie la moglie del presidente di Obiettivo Comune"

MONTALTO – Il consigliere comunale del Pd, Salvatore Carai contesta la scelta del sindaco Caci la scelta del responsabile del servizio urbanistica. “Era il dicembre del 2012 quando Caci tuonò contro l’ennesimo spreco della passata amministrazione che aveva organizzato l’assetto dell’Ente in nove Servizi comunali coi rispettivi responsabili e quindi con una falce (e senza martello) ne eliminò ben tre, creando non pochi disservizi ai cittadini e oggettive difficoltà all’organizzazione del lavoro dei dipendenti comunali – dice Carai che prosegue – Nei giorni scorsi appare però all’albo una delibera di giunta con la quale Caci & Co definiscono il riassetto organizzativo dell’Ente dal 1° marzo. Nonostante un po’ di confusione coi numeri, alla fine si scopre che non sono più sei i responsabili e manco sei i servizi del nostro Comune, come avevano deciso appena due anni prima, ma ritornano a nove, come in passato e decidono di creare addirittura cinque “macroaree”. E’ la solita politica del gambero di Caci, la stessa che gli ha fatto fare dietrofront sulla ztl al centro storico, durata poche settimane, o sui parcheggi a pagamento al mare che tra una verniciatura e l’altra sono costati alla comunità fior di quattrini”. “Nello stesso tempo, sempre in Comune, vengono anche bandite due selezioni pubbliche per l’assunzione a tempo determinato di due responsabili, uno per l’ufficio Tributi e l’altro per l’area Tecnica. Al primo si presentano solo due candidati e Caci “constatato l’esiguo numero delle candidature e considerata l’importanza del posto da ricoprire” (talmente importante che assume part time a 18 ore settimanali!) riapre i termini per la presentazione delle domande. La seconda selezione, invece, a cui si erano presentati 8 candidati, vede nominata l’architetta Carla Pasqualini, “ritenuta idonea al presente incarico fiduciario” – cita il decreto del Sindaco – e non più ai Lavori pubblici, come tutti immaginavamo, ma all’ufficio Urbanistica – Edilizia Privata – Attività Produttive – Decoro Urbano. Tralasciando la scellerata scelta di sostituire l’attuale responsabile Urbanistica, uscita vincitrice da un regolare concorso per quel posto lo scorso dicembre, mi chiedo come questa amministrazione abbia ritenuto opportuno un tale incarico, come abbia potuto decidere di assegnarlo proprio alla moglie del Presidente di Obiettivo Comune e come abbia potuto non considerare il patteggiamento a cui è scesa la stessa architetta su una condanna per aver svolto opere abusive nella Torre del Tricosto a Capalbio e assegnarla proprio a quel servizio. Come possa, il sindaco, non immaginare eventuali conflitti di interesse nello svolgimento delle proprie funzioni dentro quell’ufficio”. “Caci non considera inopportuno questo incarico, esattamente come quelli affidati al marito della Pasqualini, l’architetto Arnaldo Vicari, presidente di Obiettivo Comune, per lo studio di fattibilità dei tornelli all’ingresso del comune, a cui probabilmente seguirà anche l’incarico per la progettazione vera e propria. Come non ritiene inopportuno quello per la direzione lavori e sicurezza per il progetto con fondi europei di Vulci che ha già fruttato a lei e al suo entourage svariate migliaia di euro. Come l’incarico, sempre a lei, nella dirigenza di Mastarna.. Adesso forse è più chiaro il significato di raggiungere l’obiettivo Comune. Adesso forse è più chiaro che la redistribuzione della ricchezza per il Sindaco Caci ha pochi e selezionati destinatari. Adesso forse è chiaro che i proclami sulla riduzione della spesa, erano, appunto, solo proclami e che nulla di nuovo si scorge all’orizzonte”.

ULTIME NEWS