Pubblicato il

Abbattimento barriere architettoniche: 300 mila euro per l'Ater

De Paolis (SeL): "L'Ater di Civitavecchia è una risorsa a cui il territorio non può e non vuole rinunciare"

De Paolis (SeL): "L'Ater di Civitavecchia è una risorsa a cui il territorio non può e non vuole rinunciare"

CIVITAVECCHIA – Oltre 300 mila euro per l’Ater di Civitavecchia destinati all’abbattimento delle barriere architettoniche. Lo ha comunicato Fabio Refrigeri, assessore alle Infrastrutture, Politiche abitative e Ambiente della Regione Lazio. «Grazie ad economie, scaturite da un precedente finanziamento e recuperate dall’Ater di Civitavecchia – ha dichiarato – con una delibera approvata dalla giunta regionale si è dato il via libera a nuovi interventi di abbattimento di barriere architettoniche in edifici di edilizia residenziale pubblica, secondo la graduatoria approvata precedentemente, per una spesa complessiva di 332.019,73 euro. Tali economie sono state reperite a seguito dell’adesione al pagamento delle spese da parte di proprietari di alloggi riscattati». «Un comportamento virtuoso – ha concluso Refrigeri – che ha permesso di tutelare la spesa dell’Amministrazione e, con le risorse acquisite, avviare nuovi lavori di miglioramento del patrimonio pubblico».
“Una buona notizia, per una spesa di 332.019,73 euro, economie, scaturite da un precedente finanziamento e recuperate dall’Ater, con cui potremmo migliorare l’accessibilità agli edifici”. Questo il commento del capogruppo Sel in Regione Gino De Paolis. “Ringrazio l’assessore Fabio Refrigeri per l’attenzione e la tempestività con cui si è andati avanti, mettendo un altro tassello importante – ha spiegato – per migliorare la vita di molte persone in modo concreto. A questa notizia si deve aggiungere quella dell’importante Protocollo che la Regione Lazio ha firmato oggi con la Cassa depositi e Prestiti che ha l’obiettivo di individuare progetti di nuovi alloggi, in affitto o vendita a prezzi calmierati, idonei a essere finanziati con le risorse del Fondo Investimenti per l’abitare, gestito da Cdp Investimenti Sgr e dotato di una capacità residua di 500 milioni, da allocare entro il 31 dicembre 2015. Si tratta di alloggi da destinare alla fascia di popolazione che, pur avendo redditi superiori a quelli che danno diritto a un alloggio popolare, non puo’ permettersi di pagare un affitto a canoni di mercato. In questo contesto il ruolo delle Ater sarà determinante – ha aggiunto Del Paolis – e per il nostro territorio, e per la nostra Ater, significa poter contare non solo sui venti milioni di euro già disponibili, ma anche su queste risorse aggiuntive.  Una opportunità che conferma che l’Ater di Civitavecchia è una risorsa per il territorio alla quale non possiamo e non vogliamo rinunciare”.

 


 

ULTIME NEWS