Pubblicato il

Piace a tutti la nuova piazzetta di casette di legno

CIVITAVECCHIA – Una vera e propria piazzetta, accogliente. Così si presenta piazza XXIV Maggio, dove oggi sono ospitate le casette di legno con gli operatori delle superfetazioni. In questa settimana, dopo il trasferimento, sono stati tanti i cittadini che hanno espresso apprezzamento, parlando di una zona bella visivamente e funzionale. “Sembra di stare nei vicoli di Roma” ha commentato una signora. “Un po’ come Campo di Fiori”, ha aggiunto un anziano. E così questa mattina qualche operatore, per festeggiare, ha dato il via ad una sorta di inaugurazione della piazza. Fioriere al centro dell’area, palloncini colorati appesi alle strutture, dolci e bevande per chi si fermava, a conferma che questa nuova disposizione piace e soddisfa tutti. E soprattutto riavvicina, almeno un po’, il mercato. «La situazione transitoria piace – ha spiegato il sindaco Cozzolino in Consiglio comunale – e noi andiamo avanti per risolvere i problemi del mercato. Il perito che deve redigere la valutazione per l’ittico sta lavorando sulle analisi a disposizione: aveva trenta giorni di tempo e quindi, tra fine mese e al massimo subito dopo Pasqua potremo sapere, se ci sono o meno, problemi di natura strutturale». E intanto, come sottolineato anche dall’assessore Massimo Pantanelli, si starebbe lavorando anche sul progetto da presentare alla Soprintendenza per il ritorno delle superfetazioni attorno all’ittico, con l’obiettivo di rispondere alle esigenze degli operatori, nel rispetto delle prescrizioni imposte. «D’altronde – ha ricordato Cozzolino – con Pantanelli siamo andati in Sovrintendenza e l’architetto che sta seguendo la pratica ci ha detto espressamente che attorno ad edifici storici come l’ittico non ci può essere niente che non soddisfi canoni architettonici ed estetici di livello. Per questo siamo stati invitati a presentare un progetto e su questo stiamo lavorando, di concerto con l’assessore al commercio Enzo D’Antò e Pantanelli». Pantanelli che ha ricordato come ci sia già un progetto autorizzato, ma con prescrizioni, per dare il via libera alla realizzazione delle superfetazioni, non chiuse ma con griglie, presentato dalla passata amministrazione. «Il problema è un altro – ha aggiunto – quelle griglie non incontrano le richieste degli operatori. Noi vogliamo andare oltre. Un tentativo che stiamo percorrendo per non lasciare nulla di intentato».  E poi rimane in ballo la questione di una pulizia e risistemazione di piazza Regina Margherita. Il tendone, l’asfalto, le pensiline in plastica vanno sistemate, soprattutto dopo che la giunta, qualche mese fa, ha deciso di soprassedere alla riqualificazione della piazza così come era stata prevista nell’ambito del progetto originario. Probabile che si attenda anche l’esito dell’ittico per pianificare questi interventi, con gli operatori chiamati a trasferirsi temporaneamente. In attesa anche della consultazione pubblica sul futuro della piazza che era stata annunciata in commissione commercio il mese scorso.

ULTIME NEWS