Pubblicato il

Mazzola porta in Procura il report di Ghirga

Mazzola porta in Procura il report di Ghirga

CENTRALE. Prosegue lo scontro tra il  sindaco di Tarquinia e il Movimento Cinque Stelle. Il primo cittadino punta il dito contro il consigliere civitavecchiese Fulvio Floccari Il primo cittadino: «Toglierò dall’imbarazzo il M5S di Civitavecchia». «I grillini non vogliono più la chiusura di Tvn ma solo la riduzione della potenza»

TARQUINIA – «Il consigliere comunale Fulvio Floccari si arrampica sugli specchi. Dalle sue dichiarazioni emerge l’evidente imbarazzo di chi non sa che pesci prendere sulla centrale». Lo afferma il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola, in risposta all’esponente del Movimento 5 Stelle di Civitavecchia. «Invece di mandare in giro il dottor Giovanni Ghirga, per l’Alto Lazio, ad illustrare i suoi dati, perché l’amministrazione ‘‘grillina’’ non organizza una bella presentazione a Civitavecchia? – prosegue il primo cittadino – Dal report di Ghirga sembra emergere un chiaro rapporto di causa-effetto tra centrale, inquinamento e patologie mediche. Tuttavia, per togliere dall’evidente imbarazzo il Movimento, invierò alle autorità competenti, tra cui la Procura della Repubblica, il report del dottor Ghirga.  Così la finiremo di giocare». «A Floccari – incalza Mazzola – dico quindi che a forza di rigirare la frittata si brucia. Il Movimento 5 Stelle amministra la città che ha il potere di decidere il destino della centrale. In campagna elettorale aveva promesso che avrebbe spento l’impianto. Ha vinto le elezioni, ma a distanza di un anno ha cambiato posizione, come confermano le parole consigliere comunale Marco Dinelli, che hanno provocato il grave imbarazzo di Ghirga, e le stesse dichiarazioni di Floccari. Il Movimento non vuole più la chiusura ma solo una riduzione della potenza della centrale. Questa è la realtà». «Non è mia intenzione – conclude Mazzola – di interferire sulle cose dell’amministrazione di Civitavecchia. Si smetta però di giocare. Il Comune di Tarquinia ha fatto tutto quanto era nelle sue possibilità: dalla presentazione dei report annuali sulla qualità dell’aria a quello recente sul bio-monitoraggio, fino all’istituzione del registro dei tumori. Civitavecchia cosa ha fatto?». (a.r.)

ULTIME NEWS