Pubblicato il

Turismo: grido d'allarme dei balneari

Turismo: grido d'allarme dei balneari

"Urgente un piano di sosta stagionale gratuito sull'Aurelia da mettere a disposizione dei cittadini. Il Sindaco e la Giunta diano immediato seguito alle istanze condivise dei cittadini e dei balneari"

CIVITAVECCHIA – È un vero e proprio grido d’allarme quello lanciato dalla Federbalneari Litorale Nord, sototlineando come siano rimaste inascoltate le richieste d’incontro dirette al sindaco Cozzolino e agli assessori competenti in vista dell’avvio della seconda stagione con una esigenza rimasta ancora una volta inascoltata. “Bene parlare di progetti turistici ad ampio respiro ma si affrontino subito le esigenze di chi fa attività turistica da oltre 30 anni sulla costa” hanno tuonato dall’associazione. Sono circa 200 i posti auto rappresentati nel progetto proposto da Federbalneari Litorale Nord a vantaggio dei cittadini e dei turisti “e non si comprende come mai non sia stata chiamata ancora in causa l’associazione di categoria che rappresenta i concessionari di Civitavecchia”. Diversi i punti essenziali, a detta di Federbalneari: innanzittutto un piano di sosta stagionale “poiché senza servizi – hanno spiegato – non si può certamente parlare di “Turismo” in tutte le sue accezioni. Non è sufficiente presentare una cartina ed una mappa della città se prima non si organizzano tavoli tecnici di lavoro per dare risposte concrete a chi è in grado di presentare progetti ad esclusivo vantaggio della città e con fondi privati”.

Tante belle parole, quindi, a detta della Federbalneari, ma poca concretezza, con il risultato tangibile che si è ancora lontani dal cambiamento radicale auspicato, rivolto all’ascolto delle istanze dei cittadini e delle imprese locali, “comunque finalizzato – hanno aggiunto – alla crescita del territorio di Civitavecchia. Ne stiamo parlando ormai da qualche anno di questa proposta ma constatiamo che nulla è cambiato e che anche questa Amministrazione intende promuovere pedissequamente le proprie idee senza ascoltare le esigenze dei cittadini e del tessuto imprenditoriale che opera in vittà da moltissimi anni ormai”.

Il progetto di area di sosta stagionale si riferisce all’area ex Fosso Scarpatosta e nel suo iter di rilascio delle autorizzazioni ha già avuto il nulla osta in sede di conferenza dei servizi: mancherebbe solo la ratifica della giunta “ma chiediamo ormai da tempo – hanno spiegato da Federbalneari – un corretto approfondimento al quale nessuno ha ancora dato seguito. Siamo in tempo per discuterne e per definire le potenzialità di questo percorso di lavoro ma forse è necessario che il Sindaco incontri i nostri rappresentanti per valutarne le sue potenzialità per la città e per le imprese balneari”.

 

ULTIME NEWS