Pubblicato il

«La farmacia comunale non si tocca»

SANTA MARINELLA. Protesta dei residenti di Valdambrini. Il punto vendita a rischio chiusura, cittadini infuriati  

SANTA MARINELLA. Protesta dei residenti di Valdambrini. Il punto vendita a rischio chiusura, cittadini infuriati  

di GIAMPIERO BALDI

S. MARINELLA – Per la farmacia comunale si prospetta un futuro nebuloso. Stamattina, infatti, la notizia che l’esercizio commerciale medico rischia di chiudere i battenti, ha creato una serie di polemiche che sono state esternate dai residenti del quartiere Valdambrini, luogo dove è situata la farmacia. A far sentire la loro voce sono stati gli abitanti della zona, ma non solo loro, perché all’esterno del centro commerciale, si è sentito un unico coro «la farmacia comunale non si tocca», anche da chi non ha la propria abitazione nel ‘‘rione verde’’. Ma perché c’è chi teme che questo servizio medico possa abbassare le serrande? La risposta arriva da chi conosce molto bene la farmacia e cioè il consigliere comunale Eugenio Fratturato che punta il dito contro il responsabile del servizio, nominato da poco tempo, ma già nell’occhio del ciclone per non aver fatto nulla per rilanciare la farmacia, peraltro accusata di non aver riproposto alcune convenzioni quali ad esempio la fornitura dei medicinali salvavita alle persone meno abbienti, l’accordo tra le farmacie del territorio nella chiusura settimanale, con quella comunale che sostituiva quella chiusa per turno e l’accordo con le società di vendita dei medicinali che fornivano il negozio con prodotti scontati. Con l’arrivo del nuovo dirigente tutto è saltato ed oggi la farmacia comunale manca di molti prodotti di carattere elettromedicale, per automedicazioni, prodotti per l’infanzia, presidi sanitari, cosmesi, materiale per l’igiene personale, farmaci per automedicazioni. Tanti gli scaffali vuoti che troneggiano all’interno dell’esercizio commerciale, ma soprattutto scaffali vuoti nei magazzini. Il riordino della macchina amministrativa ha creato enormi problemi alla farmacia con la dequalificazione del direttore della stessa, che fino a poco tempo fa rivestiva il ruolo anche di responsabile del settore. «Mettere un funzionario che di farmaci non conosce nulla in quel settore è come dire che non c’è interesse a mantenere in vita questo servizio – commenta il consigliere Eugenio Fratturato che nelle ultime elezioni ha sostenuto al ballottaggio il sindaco Roberto Bacheca – io però faccio un appello al sindaco chiedendogli di intervenire immediatamente e di verificare di persona come stanno le cose nella farmacia comunale. Penso che se decidesse di darmi la responsabilità del rilancio di questo servizio le cose cambierebbero in modo positivo in poco tempo». Ma a far sentire la loro voce sono i cittadini. «E’inaudito che si chiuda una farmacia che serve un quartiere così popoloso qual è Valdambrini – dice la signora Salvatorica Muredda – oltre al fatto che dava un servizio importante e alcune agevolazioni alle famiglie in difficoltà, chiuderla significherebbe far spostare gli anziani del nostro rione in città con tutte le problematiche che ne conseguono». Tra i clienti della farmacia comunale che il famoso pugile Morbidelli, ex campione europeo e italiano. «La farmacia comunale è troppo importante per questa zona – dice l’ex atleta – è assurdo che venga chiusa per beghe interne al Comune. Noi faremo di tutto, anche scendendo in piazza, per difenderla dalle speculazioni politiche».

ULTIME NEWS