Pubblicato il

Trasporto turistico in alto mare

CIVITAVECCHIA – Nonostante il lavoro sia iniziato mesi fa, la situazione del trasporto turistico locale si è arenata. E così anche questa stagione si arriverà in ritardo. Su taxi, ncc e trasporto in generale si è ancora in alto mare, con la stagione ormai avviata e nel pieno dello svolgimento. Il risultato? Uno scontento generale, soprattutto da parte degli operatori interessati. «Per la questione dei taxi, su eventuali nuovi stalli in città – ha spiegato l’assessore ai Trasporti Enzo D’Antò – e soprattutto sulle licenze stagionali abbiamo esposto qualche giorno fa la nostra linea e attendiamo che le categorie si accordino, dandoci una risposta». In realtà nei giorni scorsi si è riunita la commissione consultiva taxi e noleggi nel corso della quale l’amministrazione ha proposto la sua idea, quella cioè di permettere l’utilizzo di mezzi immatricolati a muletto (le auto di scorta) per licenze stagionali; ma alla formula possono aderire solo consorzi o cooperative. In città sono 20 i taxi regolari, 13 fanno parte del consorzio, 2 della cooperativa e 5 sono indipendenti. «Siamo stati mesi a discutere – ha spiegato Gianluca Deiana, presidente della cooperativa Taxi Tour Civitavecchia – tutti pronti per partire e poi più nulla. Ora convocheremo una riunione del consorzio, poi una allargata alle altre categorie e vedremo come andare avanti. Certo siamo a metà luglio ed oggi ci chiedono risposte immediate dopo tanto silenzio». Intanto oggi approda in consiglio il regolamento per ape calessini. «L’approvazione del regolamento – ha aggiunto D’Antò – ci permetterà di fare un bando per il servizio turistico. Potranno partecipare imprese o singoli con determinati requisiti». Certo, tra approvazione e bando passerà del tempo e la stagione sarà ormai quasi chiusa. «È vero – ha sottolineato l’assessore – arriveremo con un po’ di ritardo. Ma la licenza sarà pluriennale, almeno 3 o 4 anni, per permettere così di ammortizzare le spese iniziali per gli operatori interessati a questa modalità di trasporto riservata ai turisti». C’è ancora tanto da lavorare, quindi, sull’accoglienza e sui servizi da offrire a chi sbarca in città. Ed una risposta si potrà avere poi anche con l’accordo Comune-Authority da 2 milioni l’anno per 10 anni in discussione oggi in Consiglio.  

ULTIME NEWS