Pubblicato il

Floccari: "Centro trasfusionale: le bugie di Zingaretti"

CIVITAVECCHIA – «È notizia di questi giorni della pubblicazione del Decreto del Commissario ad Acta che temporaneamente autorizza il Centro Trasfusionale di Civitavecchia alla sola attività di donazione (DCA 297 del 1 luglio 2015 che modifica temporaneamente il 207, di giugno 2014). Dopo le promesse di trasformare il nostro Centro in articolazione funzionale del SIMT del San Filippo Neri di Roma, il commissario Zingaretti procura l’ennesima doccia fredda alla città. Non solo il promesso Centro Trasfusionale aperto 12 ore al giorno, durante le quali le unità di sangue vengono assegnate direttamente dall’Ospedale San Paolo ai pazienti, ancora non è attivo, ma si dispone che i pochi medici ancora in servizio presso la locale struttura possano occuparsi unicamente delle donazioni di sangue e che il sangue venga lavorato, stoccato ed assegnato unicamente a Roma». È quanto dichiara Fulvio Floccari (M5S). «Ogni singola trasfusione dovrà viaggiare per 170 km (tra andata e ritorno) in mano a costose vetture private in appalto, con cospicui ritardi nella disponibilità del sangue. È forse questo il prologo al trasferimento al San Filippo Neri dei pochi trasfusionisti rimasti? – si chiede il consigliere – che fa un passaggio sull’imminente inaugurazione del nuovo blocco parto – a Zingaretti ricordiamo che le forbici con cui taglierà l’ennesimo nastro sono le stesse con cui sta progressivamente tagliando i servizi».

ULTIME NEWS