Pubblicato il

M5S: "A Ladispoli autovelox non a norma"

LADISPOLI – Continuano in questi giorni le lamentele dei cittadini sugli autovelox posti nel Comune di Ladispoli. C’è chi lamenta una eccessiva sensibilità, chi la non visibilità, chi l’assenza di adeguate segnalazioni. A fare luce sulla situazione dei rilevatori di velocità è il Movimento Cinque Stelle Locale che, codice alla mano, ha analizzato alcune postazioni sul territorio. “In seguito a ripetute segnalazioni da parte di cittadini – afferma il M5S – abbiamo approfondito la questione “autovelox” sul territorio di Ladispoli e abbiamo appurato che l‘articolo 142 del codice della strada, al comma 6 bis, sancisce che le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento della velocità debbano essere: preventivamente segnalate e ben visibili”. “Abbiamo quindi preso in considerazione le due postazioni fisse di rilevamento della velocità installate in direzione di Civitavecchia – continuano i pentastellati –  la prima in località S. Nicola (all’altezza del km 34,750) e la seconda in località “Boietto” (all’altezza del km 38,750). Per quest’ultima risulta del tutto evidente che tra il cartello stradale che segnala la presenza della postazione e la stessa vi sia la presenza dell’intersezione con via dell’Acquedotto Statua. Inoltre dopo tale intersezione non viene ripetuto il segnale stradale, ripetizione che si sarebbe rivelata oltretutto inutile, visto che la distanza minima dal punto di rilevazione della velocità non sarebbe stata comunque adeguata. Forse era sufficiente installare la postazione poche decine di metri prima dell’intersezione. Per quanto riguarda l’altra postazione, in direzione di Civitavecchia invece, vi è la presenza dell’immissione per i veicoli provenienti dal centro abitato di S. Nicola; immissione oltre la quale questa volta non viene ripetuto il segnale stradale che impone il limite di velocità a 80 km/h”. “L’unica postazione che sembra rispettare il punto uno, ossia la corretta segnalazione preventiva – dichiara il M5S – è quella collocata in località S. Nicola, direzione Roma. Purtroppo però, tale postazione non soddisfa quanto scritto al punto due, ossia l’essere ben visibile, così come in realtà non lo è nessuna delle quattro postazioni installate sul nostro territorio comunale. Orbene, su nessuna delle quattro postazioni vi è traccia del segnale citato dalla norma e, sinceramente, quel grigio del quale sono colorate le installazioni non sembra proprio essere una “opportuna colorazione” idonea a rendere la postazione particolarmente visibile. Colorazione sgargiante che sarebbe stata comunque inutile nel momento in cui si decide di collocare la postazione, come fatto in alcuni casi, occultata tra la vegetazione, come nel caso di quella installata a S. Nicola in direzione di Civitavecchia”. “Chiediamo quindi – conclude il M5S-  che gli uffici preposti di Comune e Polizia locale adottino i dovuti accorgimenti per porre a norma questi impianti, anche perchè eventuali ricorsi vedrebbero l’Amministrazione quasi certamente soccombente, con evidente danno per il comune, che paga un affitto per queste postazioni a prescindere dall’incasso delle multe”.

 

ULTIME NEWS