Pubblicato il

Trani, sulla sede di Piazza Grande l’assessore ci ha ripensato

Incongruenze nelle dichiarazioni del ragioniere. Su pagine bianche doppio nominativo: personale e professionale

Incongruenze nelle dichiarazioni del ragioniere. Su pagine bianche doppio nominativo: personale e professionale

LADISPOLI – L’assessore Trani in merito alla vicenda Piazza Grande nega di abitare al civico 118 di via La Spezia, ma finisce per replicare a se stesso avendo già dichiarato il contrario in un’intervista telefonica precedente. Ma non solo. Cercando su Internet via La Spezia 118 Ladispoli, compare lo studio del ragioniere Eugenio Trani. Ulteriori accertamenti mettono in rilievo che nessun vano dell’edificio è di proprietà della Piazza Grande srl, che in nessun campanello o cassetta delle lettere risulta la citazione della società. 
Al telefono, poi,  proprio l’assessore  ha fugato tutti i dubbi rispondendo con cordialità e trasparenza. 
Alla domanda riguardo alla corrispondenza tra il civico del suo studio e quello di Piazza Grande srl, l’assessore ha infatti chiarito che il suo studio è al 118/b, mentre Piazza Grande srl ha sede legale al civico generico 118. 
Nella conversazione, peraltro registrata, Trani afferma anche che è stato lui stesso a curare la creazione della società. Alla richiesta di appoggiare la società nel suo studio ha anche risposto di appoggiarla al civico generico 118, cosa che gli avrebbe consentito di raccogliere la corrispondenza della Piazza Grande. Per fugare ogni dubbio sulla ambigua vicenda dei numeri civici, l’assessore Trani ha anche risposto con una affermazione alla esplicita richiesta se al civico 118 vi fosse la sua stessa abitazione. Per completezza, va inoltre sottolineato che nell’elenco della pagine bianche al civico 118 di via La Spezia Ladispoli risulta sia la persona Trani Eugenio sia Trani, Rag. Eugenio, con due numeri telefonici differenti. 
Del tutto singolare, quindi, l’intervento postumo dell’assessore, dopo ben 10 giorni da quella telefonata ed il relativo articolo che rendeva noti i fatti emersi.

ULTIME NEWS