Pubblicato il

Da sanità aiuto per ridurre le tasse

Manca per la quarta volta il numero legale nell’Aula del Senato. La seduta è tolta e viene riaggiornata a questa mattina alle 9. Così ieri non si sono riuscite a votare le pregiudiziali di costituzionalità presentate dalle opposizioni al decreto enti locali.

E spunta la proposta di un contributo dalla sanità per ridurre le tasse. «Nella prossima legge di stabilità non è previsto nessun taglio lineare alla sanità ma solo un efficientamento del sistema, che produrrà risorse da destinare al miglioramento dei servizi, anche se una parte potrebbe essere usata per il taglio delle tasse», afferma all’ANSA il ministro della Salute Beatrice Lorenzin commentando l’intervista a Repubblica del commissario alla revisione della spesa Yoram Gutgeld. Intanto in Senato è in discussione il dl enti locali che prevede il recepimento di una razionalizzazione di alcune voci di spesa del settore sanitario prevista dalla scorsa legge di stabilità, pari a circa 2,3 miliardi. Sul provvedimento dovrebbe essere messa la fiducia.

«Nell’intervista – sottolinea il ministro Lorenzin – bisogna discernere il contenuto dal titolo. Il commissario, in realtà, declina tutte le misure contenute nel Patto della Salute, e non posso che esserne contenta. Gli interventi che definisce sono tutti in base ai contenuti del Patto, dalla maggiore efficienza e produttività delle strutture e della medicina territoriale alla lotta alla medicina difensiva e alla trasparenza dei dati. Io ho sempre detto che in questo modo si possono ricavare più di dieci miliardi senza ricorrere a tagli lineari». (Ansa)

ULTIME NEWS