Pubblicato il

È morto Stefano Cardellicchio

È morto Stefano Cardellicchio

CIVITAVECCHIA – Stefano Cardellicchio non c’è più. L’assicuratore di sicuro più conosciuto e più prestigioso, non solo a livello cittadino, si è spento la scorsa notte all’ospedale di Tarquinia, dopo alcuni giorni di tribolazione dovuti a un malore. Dolore tra i colleghi e tra i rappresentanti delle forze armate e di Polizia, organismi con i quali il cavalier Cardellicchio ha lavorato per anni. Da solo, partendo praticamente da zero, è riuscito a creare un impero, con sudore e sacrifici, ottenendo l’esclusiva per quanto riguarda le convenzioni assicurative con uomini e donne in divisa per conto della Unipol – Aurora. Un’attività che per lungo tempo ha dato lustro a Civitavecchia, oltre che lavoro a decine e decine di persone. Poi, come succede spesso in questi ambienti, la scorrettezza che caratterizza l’essere umano ha preso il sopravvento ed è arrivato lo sgambetto che ha fatto precipitare le cose. Stefano Cardellicchio però non si è arreso: de vero guerriero si è rialzato ripartendo da zero, percorrendo l’Italia in lungo e il largo per portare a casa polizze e convenzioni come solo lui sapeva fare. Così, incurante dell’ingratitudine di coloro che credendolo indebolito lo avevano abbandonato, con la sua famiglia, i suoi amici e i collaboratori più affezionati sempre pronti a sostenerlo, ha ottenuto in poco tempo altri grandi risultati. Era orgoglioso ogni volta che apriva la posta elettronica e trovava centinaia di richieste di preventivi assicurativi. L’ultima battaglia, purtroppo, lo ha visto soccombere, lasciando un incolmabile senso di tristezza e vuoto. Alla moglie Laura, alla figlia Stefania e alla sua famiglia vanno le condoglianze della nostra redazione.

ULTIME NEWS