Pubblicato il

La Sughera cala il poker: quattro coppe vinte nel Torneo dei Butteri

La Sughera cala il poker: quattro coppe vinte nel Torneo dei Butteri

Dopo 4 anni il Drappo della fase Rionale è tornato ai giallorossi: 2° posto per i Cappuccini

di ROMINA MOSCONI 

TOLFA – Il drappo 2015 dipinto dalla pittrice tolfetana Simona Sestili è andato alla Sughera: il Rione presieduto da Thomas Torroni si è aggiudicato la vittoria del Torneo dei Butteri 2015; fino alla fine la vittoria se la sono contesa Sughera e Cappuccini, ma col Casalaccio e la Lizzera che hanno incalzato e fatto sentire il fiato sul collo dei giallorossi. Tribune piene, cori, striscioni, adrenalina, sudore, passione e tanta voglia di vincere: questo il clima che si è respirato domenica alla Nocchia durante il Torneo Rionale promosso dal Comune di Tolfa e dalla Pro Loco col patrocinio di Enel e Fondazione Cariciv e che ha avuto un grande successo. Quest’anno il livello tecnico-sportivo dei cavalieri è stato altissimo (grazie alla bravura crescente dei cavalieri) e ciò ha portato alla disputa di gare emozionanti e tirate che hanno lasciato tutti col fiato sospeso fino alla fine. La voglia di vincere di ognuno ha portato anche a qualche contestazione, ma il bello di questa gara è anche questo. Da rilevare quanto è stata profonda in questi anni, e in particolare quest’anno, la crescita quantitativa e qualitativa nei vari gruppi e del senso forte di attaccamento ai Rioni con conseguente nascita di un grande movimento che si è creato intorno ad essi: numerosi sono i giovani e meno giovani entrati a far parte della ‘‘famiglia allargata’’ dei Rioni e che via via hanno dato vita a importanti eventi, fra i quali le varie sagre e il Torneo di calcio a 8 dei Rioni. Alla Nocchia si è vista la passione e l’attaccamento ai colori del proprio Rione da parte di cavalieri e pubblico. Ingente il numero di volontari dello staff, presenti gli uomini della Guardia Forestale di Tolfa, dei carabinieri della caserma collinare, della Prociv di Tolfa coordinati da Filabozzi; immancabile la Cri. Per quanto riguarda la gara vera e proprio c’è da dire che al termine della prima gara, quella dell’anello, a guidare la classifica era la Sughera con il tempo di 39’’76, a seguire Lizzera con 54’’71, il Casalaccio 56’’98, Cappuccini 1’08’’16, Rocca 1’22’’38 e Poggiarello 1’26’’86. Nel secondo gioco, quello del cappello, vittoria dei Cappuccini con 1’23’’78, seguiti da Sughera 1’26’’15, Lizzera 1’86’’88, Casalaccio 1’31’’42, Rocca 1’33’’05 e Poggiarello 1’42’’56. Al termine del secondo gioco a guidare la classifica era la Sughera con 1’15’’91 seguito da Cappuccini 1’31’’94, Lizzera 1’41’’59, Casalaccio 1’54’’40, Rocca 2’35’’43 e Poggiarello 2’59’’42. Il sindaco Landi ha omaggiato la famiglia di Angelo Virgili a cui è intitolato il Torneo dei Butteri 2015; Landi ha poi premiato Roberta Santoni per l’aiuto e la collaborazione. A seguire si è svolta la prova della cattura del vitello che ha fatto registrare alcuni problemi per ‘‘l’indisciplina dei vitelli’’. nella cattura dei cavalli vittoria della Sughera con 1’42’’41 seguito da Casalaccio 1’54’’44,Cappuccini 2’04’’79, Lizzera 2’32’’95, Rocca 2’24’’85 e Poggiarello 2’25’’19. Al termine del gioco a trionfare è stato il Rione Sughera con il team composto dai due fratelli Olivetti e da Chima con 1’78’’32; secondo posto per i campioni uscenti Cappuccini con 2’16’’73, Casalaccio 2’28’’84, Lizzera 2’54’’54, Poggiarello 3’24’’62 e Rocca 4’20’’28. La sugherain questa edizione ha fatto poker: non solo ha vinto il torneo ma ha portato a casa la coppa per il miglior tempo agli anelli, un’altra per il miglior tempo  individuale ottenuto da Stefano Olivetti con il tempo record di 27’’31 e il miglior tempo nel gioco della presa del vitello. Caroselli e festa fino a tarda notte per i giallorossi. Questa vittoria premia il grande lavoro del giovane e caparbio presidente Thomas Torroni che ha lavorato e lavora tanto dando oltre le sue possibilità, ci ha creduto e con lui ci hanno creduto tanti altri e alla fine la vittoria è arrivata. Al colmo della gioia e commosso Torroni ha sottolineato: «Non ho parole: siamo felicissimi, ringrazio quelli del Rione e la nostra squadra: se abbiamo vinto lo dobbiamo alla squadra che è stata perfetta e ci ha regalato questo sogno. Grazie ai tre cavalieri e a tutti i nostri rionali». Soddisfatti anche i tre cavalieri giallorossi per la bella prestazione: «E’ la prima volta che gareggiamo insieme per la Sughera – spiegano Stefano e Moreno Olivetti (i caballeri) e Fabrizio Chima – ma avevamo già gareggiato insieme in altre prove. Siamo una bella squadra e c’è affiatamento, siamo contenti di aver vinto. E’ stata una bella gara e abbiamo centrato l’obiettivo di regalare il Drappo alla Sughera». Ora la Sughera si prepara per il il Torneo Regionale del 15 agosto con una squadra tutta nuova visto che i due fratelli Olivetti vinsero l’edizione 2014 e quindi sono ammessi di diritto alla manifestazione e, secondo regolamento, non possono partecipare con due squadre.

ULTIME NEWS