Pubblicato il

Nablus, danno fuoco alla casa: muore bimbo palestinese. Abbas: «Ricorso a Cpi»

Un bimbo palestinese di 18 mesi è morto avvolto dalle fiamme in un incendio appiccato alla sua casa all’ingresso del villaggio di Douma, vicino a Nablus in Cisgiordania. Lo hanno riferito fonti della sicurezza palestinese. A provocare l’incendio sarebbero state delle persone mascherate, secondo alcuni testimoni tre coloni ebrei, che hanno gettato bombe molotov contro l’abitazione, per poi l’asciare sull’edificio adiacente scritte in ebraico inneggianti alla «vendetta». La piccola vittima si chiamava Ali Saad Dawabsheh. Nell’incendio sono rimasti ustionati i genitori, Saad Mohammed e Riham Dawabsheh, e un altro figlio di quattro anni. Secondo i testimoni il padre è riuscito a salvare la moglie e l’altro bimbo ma non è riuscito ad individuare nel fumo e nel buio l’altro figlio. «Siamo di fronte a un attacco che si sospetta abbia un movente nazionalista» ha detto il portavoce della polizia israeliana Luba Samri.

ULTIME NEWS