Pubblicato il

Bancarotta: via agli interrogatori di garanzia

Bancarotta: via agli interrogatori di garanzia

CIVITAVECCHIA – Si attende martedì per vedere se i nove arrestati nell’ambito della maxi inchiesta della Guardia di Finanza decidano o meno di parlare davanti al giudice e chiarire le proprie posizioni. Sono infatti attesi nei prossimi giorni gli interrogatori di garanzia per le nove persone destinatarie delle ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip Paola Petti. L’inchiesta è quella per bancarotta e va a coinvolgere, di fatto, ‘‘Ceramiche nel mondo’’, ‘‘Finteco’’, ‘‘Trade Italia’’: tutto ruota attorno al fallimento di queste tre società, spogliate del patrimonio immobiliare ad esclusivo vantaggio della ‘‘Tomassini Mario’’. E in carcere, in attesa del braccialetto elettronico, sono finiti l’imprenditore Sergio Lo Monaco, Mario Tomassini ed Alfredo Campagna. Ai domiciliari anche il fratello di quest’ultimo, Massimiliano. Le altre ordinanze di custodia cautelare, sempre agli arresti domiciliari, riguardano invece G.M. amministratore di Ceramiche Italia subentrata a Ceramiche nel Mondo, V.V. madre di Sergio Lo Monaco, nominata dal figlio a rappresentare la sua società, B.O., di nazionalità bulgara, che di fatto sarebbe stato un ‘‘prestanome’’ e tuttora latitante, e ancora una nota professionista locale, P.B. le sue iniziali ed infine G.B. ex dipendente di Lo Monaco, nominato amministratore di una delle società.

ULTIME NEWS