Pubblicato il

Tidei: «Fare il sindaco di Cerveteri non è tra i miei piani»

Tidei: «Fare il sindaco di Cerveteri non è tra i miei piani»

 I dem chiedono spiegazioni sull’incontro al sindaco Pascucci

CERVETERI – Il Pd di Cerveteri risponde a Pascucci in merito alla volontà di quest’ultimo di voler entrare nel partito democratico. Secondo la dichiarazione di Pietro Tidei, infatti, Pascucci avrebbe convocato nei giorni scorsi l’ex sindaco civitavecchiese per «chiedergli una mano» per entrare tra i dem.  «Un comportamento irrispettoso e scorretto – lo definisce il circolo locale – non solo nei confronti dei suoi elettori, ma anche di tutti i tesserati Pd, che, al contrario, pretendono chiarezza e trasparenza. Vuole entrare nel PD di Cerveteri nel modo peggiore: di nascosto, senza contattare il Partito locale ed elemosinando aiuti fuori da Cerveteri». Nelle dichiarazioni dei democratici, tuttavia, nulla viene detto sulla parte relativa ai contenuti urbanistici dell’incontro tra Pascucci e Tidei, quali Ostilia e le linee guida del Prg, argomenti sui quali Tidei stesso ammette di essersi confrontato con il Sindaco di Cerveteri. 
A supportare la posizione dei democratici anche l’intervento dell’ex Sindaco di Civitavecchia Tidei.
«Ho incontrato Pascucci diverso tempo fa – dichiara l’esponente Pd – ma il tenore della conversazione era ben diverso!
In quell’incontro dove peraltro sono stato invitato, Pascucci mi chiese una mano per entrare nel Pd, trovando difficoltà nel circolo locale. È ovvio che gli dissi che si sarebbe posto il problema della giunta in quanto sarebbe dovuta essere azzerata.
La sua risposta fu che il problema non sarebbe esistito, in quanto tutta la giunta sarebbe entrata con lui».
«Da avvocato – aggiunge Tidei – ho chiesto nello stesso incontro come stavano andando le cose, riferendomi alle linee guida. Parlando mi disse che aveva bruciato il patto territoriale, del quale io ero capofila come sindaco di Civitavecchia e dove Cerveteri si agganciò con uno o due patti. Per carità è un suo diritto bruciare un patto territoriale, anche se votato all’unanimità dal consiglio comunale, però poi avallare le lottizzazioni riconosciute da due sentenze del TAR, da una sentenza del consiglio di stato nonché da una CTU della procura della repubblica di Civitavecchia, mi parrebbe un po’ azzardato. Sanare le lottizzazioni che non sono sanabili per legge, così sicuramente costituirebbero un abuso, questo abuso è già contenuto nelle linee guida».
E sui suoi piani politici futuri Tidei dichiara: «Ammetto di aver ricevuto in questo tempo le lusinghe di molti compagni e amici di Cerveteri per una possibile candidatura a Sindaco. Conosco bene Cerveteri per l’attività svolta da Consigliere Provinciale, Regionale e da Deputato. Proprio come deputato ho seguito l’iter iniziale della Candidatura di Cerveteri a sito Unesco.
Detto ciò ho sempre smentito categoricamente questa ipotesi perché Cerveteri ha già un Sindaco e perché la cosa non rientra nei miei piani futuri ma forse Pascucci che è già proiettato verso un Pascucci bis non ha gradito».
«Non ho preso le parti di alcun latifondista – conclude Tidei – ma ascoltato le richieste del Sindaco circa la possibilità di ingresso dello stesso e della sua giunta nel Partito Democratico».
Ci si aspetta quindi questa sera un consiglio comunale acceso.

ULTIME NEWS