Pubblicato il

Acqua: un altro weekend da dimenticare

Acqua: un altro weekend da dimenticare

Disagi idrici in molte zone della città. Cittadini infuriati. Mecozzi attacca: "È arrivata la stagione del silenzio"

CIVITAVECCHIA – “Questa amministrazione sta portando la cittadinanza all’esasperazione”. È l’amaro sfodo di un civitavecchiese alle prese, da mesi, con la carenza idricia. E anche quello appena trascorso è stato un weekend da dimenticare, con i problemi che non sembrano essere finiti. “Sono le 10 – ha scritto questa mattina in una email alla redazione – e già da circa un’ora c’è un filo d’acqua, non si sa più come fare a Civitavecchia, a chi rivolgersi, questa amministrazione e non sa prendere provvedimenti in merito o semplicemente non è in grado di far fronte al problema. Ma non si rendono conto che le persone sono arrivate ai limiti della sopportazione? Ed hanno il coraggio poi di chiedere ai civitavecchiesi più tasse”.
E torna all’attacco anche il consigliere del Polo democratico Mirko Mecozzi. “Città di nuovo senza acqua nella zona servita dal Nuovo Mignone – Hcs. Ma la Giunta tace. Totale assenza di comunicazione. Delegato sparito nel nulla, assessore latitante. Dopo la stagione dei proclami – ha sottolineato – ‎ Cozzolino ha adottato la strategia del silenzio. L’obiettivo è abituare la città alla sete come se fosse la normalità. In realtà non è normale. Non è normale che siano stati sperperati 40 mila euro di lavori senza riuscire a riparare l’Oriolo per troppo tempo abbandonato. Non è normale – ha aggiunto Mecozzi – che il liquidatore di Hcs se ne stia in vacanza fino a metà settembre malgrado 150 mila euro l’anno. Questa è la giunta del risparmio, della trasparenza e della sete”.

ULTIME NEWS