Pubblicato il

Presentato ieri il ‘‘Cencio 2015’’ realizzato da Maria Luisa Taranta

‘‘Anno internazionale della luce . 1915-2015 CENTENARIO DEL PRIMO IMPIANTO D’ILLUMINAZIONE PUBBLICA ’’

‘‘Anno internazionale della luce . 1915-2015 CENTENARIO DEL PRIMO IMPIANTO D’ILLUMINAZIONE PUBBLICA ’’

ALLUMIERE – E’ la poliedrica ed eclettica artista Maria Luisa Taranta la vincitrice del concorso promosso ad Allumiere per la realizzazione del Cencio 2015 che andrà alla Contrada vincitrice del 51° Palio delle Contrade in programma per il prossimo 23 agosto. L’amministrazione comunale e la Pro Loco, come ogni anno, indicono il concorso per l’elaborazione del Cencio che viene eseguito solo con tecniche pittoriche con le misure standard di cm 90 per 220. Il tema di quest’anno è: ‘‘2015 Anno Internazionale della Luce. 1915-2015 Centenario del primo impianto di illuminazione pubblica ad Allumiere’’. Come si può ben capire non è facile per un’artista riuscire a raffigurare questo tema, ma la Taranta ci è risucita e per la giuria è lei che ha saputo più di tutti rendere visibile e comprensibile a tutti questo tema. Sul  Cencio fanno bella mostra, naturalmente, sia l’immagine della Madonna delle Grazie che gli stemmi delle sei Contrade e la scritta ‘‘23 agosto 51° Palio delle Contrade’’. A Maria Luisa Taranta è andato il premio di 1000 euro. Ieri pomeriggio la Taranta, intrno alle 17 ha portato nella sede della Pro Loco il Cencio completo e affisso all’asta e questo, poi, è stato portato in corteo fino all’aula nobile di Palazzo Camerale in mezzo ad ali di folla, di figuranti e sbandieratori di ogni Contrada; presenti anche i rappresentanti istituzionale del Comune e della Pro Loco, i presidenti e i rappresentanti delle sei Contrade e le autorità civili e militari del paese. Il sindaco Augusto Battilocchio, la delegata alla Cultura Stefania Cammilletti e la presidente della Pro Loco Tiziana Franceschini sono intervenuti durante la presentazione nel palazzo camerale;  dopo che l’artista, Maria Luisa Taranta, ha spiegato ciò che ha raffigurato, il corteo ha lasciato l’aula nobile e si è recato nella parrocchia addobbata a festa: qui il parroco don Vincenzo Dainotti ha fatto gli onori di casa e ha poi proceduto con la benedizione del Cencio e di tutta l’assemblea. Il Cencio è rimasto in parrocchia (sul lato sinistro dell’altare) dove potrà essere ammirato fino al giorno del Palio delle Contrade. 
Rom. Mos.

ULTIME NEWS