Pubblicato il

Parlamento Ue: «Italia riconosca nozze gay»

Il Parlamento europeo invita dieci Stati membri, fra cui l’Italia, a «prendere in considerazione» l’accesso a istituti giuridici quali «coabitazione, unione registrata o matrimonio» per le coppie formate da persone dello stesso sesso. È quanto si chiede nella relazione sulla Situazione dei diritti fondamentali dell’Unione europea approvata ieri dall’Aula riunita in sessione plenaria a Strasburgo.
Il Parlamento europeo, attraverso la relazione, «rinnova il suo invito alla Commissione a presentare una proposta riguardante una disciplina avanzata per il pieno riconoscimento reciproco degli effetti di tutti gli atti di stato civile nell’Unione europea, compresi il riconoscimento giuridico del genere, i matrimoni e le unioni registrate, al fine di ridurre gli ostacoli discriminatori di natura giuridica e amministrativa per i cittadini che esercitano il loro diritto di libera circolazione».

ULTIME NEWS