Pubblicato il

Si rompe il collettore: sversamento di acque fognarie per oltre 10 giorni

Si rompe il collettore: sversamento di acque fognarie per oltre 10 giorni

In località Le Terre fogna a cielo aperto: protesta dei residenti e interrogazione del consigliere Sgamma

ALLUMIERE – Coro di proteste da Allumiere per lo sversamento di una fogna. I residenti insieme al consigliere Vincenzo Sgamma denunciano la rottura di un collettore in località Le Terre verso il fosso del Grillo e fanno rilevare che da questa falla fuoriesce acqua di fogna con conseguente cattivo odore e poi, come denunciano i residenti: «Sono tutte sostanze che di certo non fanno bene alla salute delle persone e inoltre deturpano l’ambiente. Queste fogne stanno provocando un ingente danno ecologico. Chiediamo l’intervento urgente delle forze dell’ordine competenti e di chi è chiamato a rispondere di queste situazioni, quindi l’Acea e l’ufficio tecnico. Per questo disservizio ringraziamo Acea che continua a fregarsene e ci lascia con questa fogna a cielo aperto». A difesa della popolazione si è schierato il consigliere comunale Sgamma. «Non è possibile. Ciò che sta capitando a Allumiere è allucinante e inconcepibile – scrive il consigliere di minoranza, Vincenzo Sgamma – dove si è visto mai che dopo oltre 10 di sversamento della fogna ancora nessuno è intervenuto? Perché Acea ancora sta ancora con le mani in mano?». Il consigliere di opposizione Sgamma stamattina ha protocollato un’interrogazione urgente per «Chiedere quali sono i motivi per quest’ennesimo disservizio da parte della società che gestisce il servizio idrico, ossia l’Acea e perché ancora nessuno è intervenuto ma anche per sollecitare il sindaco a premere su Acea». Il battagliero consigliere Sgamma conclude la sua interrogazione spiegando: «Non è possibile che Acea continui a fare il comodo suo senza curarsi del benessere della gente».  
Rom. Mos

ULTIME NEWS