Pubblicato il

Un anno senza la statua del Bacio

Un anno senza la statua del Bacio

Il 9 settembre 2014 veniva smontato quello che, al di là delle condiserazioni storiche, era diventato uno dei simboli di Civitavecchia. Ma senza fondi piazza degli Eventi rimane vuota

CIVITAVECCHIA – È trascorso un anno da quanto l’amministrazione a Cinque Stelle decise di smontare la statua del Bacio dalla Marina. In quell’occasione si alzò un polverone, con critiche e polemiche rivolte al Comune. Perché in fin dei conti “La resa incondizionata”, opera dell’artista Seward Johnson, quella grande statua del marinaio che baciava appassionatamente l’infermiera, al di là di quelle che possono essere le considerazioni storiche, era diventato uno dei simboli di Civitavecchia, sia per i cittadini ma soprattutto per i turisti. Alle critiche arrivate, il sindaco Antonio Cozzolino rispose che il trasferimento della statua poteva essere letto come un’opportunità. “Quella – aveva spiegato – di avere in uno dei posti più rappresentativi di Civitavecchia qualcosa che rappresenti la città e la “civitavecchiesità”. Ed è quello per cui lavoreremo”. È trascorso quindi un anno, cosa è cambiato? Nulla. Piazza della vita è vuota. E anzi, diversi civitavecchiesi questa mattina hanno sottolineato che “manca la Statua”. Sono rimaste le calamite e le cartoline che ancora la raffigurano lì, al centro della Marina, nei negozi per turisti. Per il resto non c’è nulla. Solo un vuoto al centro della piazza, con buona pace dell’accoglienza turistica che, volente o meno, passava anche e soprattutto da lì, dalle fotografie che immortalavano i crocieristi ai piedi della statua. E così sarà ancora per molto, a quanto pare.
“È vero – ha spiegato l’assessore Enzo D’Antò – avevamo parlato di un concorso di idee, di opere che l’avrebbero sostituita. Abbiamo anche ricevuto diverse proposte, da parte di artisti nazionali ed internazioni. Ma senza fondi e finanziamenti a disposizione è impossibile fare qualsiasi cosa”.

ULTIME NEWS