Pubblicato il

Controlli anti prostituzione in zona industriale

Controlli anti prostituzione in zona industriale

La Polizia locale ha sanzionato alcune donne sorprese nei pressi della rotonda. Le contravvenzioni rimangono l’unico deterrente, le meretrici continuano ad esercitare la loro attività

CIVITAVECCHIA – Il fenomeno della prostituzione non si ferma a Fiumicino. Nonostante l’ordinanza del Sindaco, in zona industriale alcune ragazze rumene continuano ad esercitare il mestiere più antico del mondo. E addirittura in pieno giorno, tra lo stupore degli automobilisti civitavecchiesi, non abituati a spettacoli di questo tipo nella loro città.
Nessun abbigliamento particolarmente scandaloso, per carità, ma la sola presenza delle prostitute in zona industriale ha indotto alcune persone a segnalare il fenomeno sia alle forze dell’ordine che agli organi di informazione.  Così sono scattati i controlli.
Nelle scorse settimane, infatti, la Polizia locale ha fatto tappa proprio in zona industriale, provvedendo ad identificare e a multare alcune meretrici al lavoro nei pressi della seconda  rotonda procedendo in direzione nord. Gli agenti hanno potuto solo elevare delle contravvenzioni per la mancata osservanza dell’ordinanza del sindaco che vieta la prostituzione in città, verbali da importi ridicoli, che non superano i 50 euro.
Il problema legato alla presenza delle prostitute in zona industriale rimane, nonostante i controlli vengano periodicamente effettuati anche dalle altre forze dell’ordine.
Se l’unico deterrente rimane quello delle contravvenzioni, meglio pagare e continuare a svolgere la stessa attività, incassando cifre di sicuro più consistenti rispetto alle multe da pagare.
 

ULTIME NEWS