Pubblicato il

Anche S. Marinella alla manifestazione contro le mafie

Anche S. Marinella alla manifestazione contro le mafie

La Perla del Tirreno rappresentata dal delegato Marco Valerio Verni. «Certo occorre che alle parole seguano i fatti»

S. MARINELLA – Anche la Perla del Tirreno ha partecipato alla manifestazione contro tutte le mafie svoltasi a Roma in piazza Don Bosco proprio nel giorno della importante ricorrenza dell’uccisione del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Il delegato comunale alla legalità, Marco Valerio Verni, nell’occasione ha sostituito il sindaco Bacheca impegnato a fronteggiare la prossima emergenza immigrati. «Stare in quella piazza ha significato lanciare un forte segnale a tutte le organizzazioni malavitose – spiega l’avvocato Verni – sarebbe riduttivo, come hanno fatto alcuni, etichettare la manifestazione in questione come organizzata dal Pd, sia perché molti sindaci erano lì in quanto invitati dall’Anci, sia perché ad essa hanno partecipato numerose associazioni che, notoriamente, non hanno colore politico. Certo occorre che alle parole seguano i fatti. In altri Paesi, un sindaco nella condizione di Marino, già si sarebbe dimesso. Occorre dunque coerenza e di certo questa non passa attraverso un commissariamento della capitale come è avvenuto per i noti fatti legati alle recenti e clamorose cronache giudiziarie. La riprova è che, durante la manifestazione, si sono levate molte contestazioni rivolte al sindaco di Roma e all’operato del Pd». «Personalmente ho trovato fuori luogo e fuori dal tempo, le dichiarazioni fatte dal primo cittadino romano che, senza alcuna logica, e dimostrando ancora una volta di non stare in questo mondo, ha richiamato ancora il tema dell’antifascismo – continua Verni – peccato poi che sia lui stesso il primo ad usare frasi del tipo, molti nemici, molto onore. Proprio a Marino, che è anche sindaco della Città Metropolitana di cui fa parte anche S. Marinella, invieremo una lettera chiedendo, a proposito di sicurezza, una maggior presenza sul territorio della Polizia di questo nuovo organo sovraccomunale di cui, finora, non vi è stata traccia». «Un pensiero doveroso va al generale Dalla Chiesa – conclude il delegato – che, come ogni servitore della legalità, deve fungere da esempio per tutti. Un esempio, certo, che può sembrare inarrivabile, ma, come diceva qualcuno sembra sempre impossibile finché non viene fatto».

ULTIME NEWS