Pubblicato il

Primo giorno difficile per la materna

Primo giorno difficile per la materna

Il vicepresidente del consiglio d’istituto, Marco Vigilini, lamenta disagi per la mancanza di comunicazione. Pronta risposta dell’assessore alla Scuola Serena Rosati

ALLUMIERE – Il vicepresidente del Consiglio d’Istituto dell’Istituto Comprensivo di Tolfa, Marco Vigilini evidenzia «Problemi e disagi riscontrati il primo giorno di scuola nel plesso di Allumiere». «Ai bambini dell’Infanzia – prosegue Vigelini – non è stato permesso di entrare a scuola perchè il loro ingresso era alle 9 ma nessuno lo sapeva visto che sul sito non era riportato e in quello del Comune di Allumere c’era scritto ore 8-9 entrata flessibile. C’erano oltre un centinaio di persone e un’ottantina di bambini in attesa e l’assurdo è stato quando è arrivato lo scuolabus e sono scesi (accompagnati) due bambini di scuola materna: ma sono stati invitati a risalire sullo stesso perchè anche per loro l’orario di entrata erano le 9». Secondo Vigilini: «E’ necessario urgentemente intervenire per valutare la svolta a destra all’altezza dell’angolo con la palestra non adeguato al passaggio agevole di due persone: allo stato attuale è pericoloso. La preside sbaglia pensando che vada bene solo la comunicazione cartacea: la scuola è una pubblica amministrazione e come tale ha l’obbligo di mantenere un sito web rispondente ‘‘a precisi requisiti individuati dalla norma e ad assicurare che la pubblicazione dei contenuti e l’offerta di servizi on line garantisca la certezza istituzionale e l’affidabilità delle relative informazioni’’. I siti sono secondo la legge il mezzo primario di comunicazione; la legge obbliga la scuola all’informazione con siti web, portali, newsletter. La comunicazione cartacea dicono che è stata affissa alle 8 di venerdì, ma parlando col DS ho avuto certezza che ciò non è accaduto: fino a stamattina il cancello d’ingresso è stato chiuso». A queste osservazioni risponde l’assessore alla Scuola, Serena Rosati: «Mi scuso se ci sono state difficoltà e disagi, ma ci tengo a precisare che il Comune in questo caso non c’entra nulla. Ad oggi, infatti, non ci è arrivata ancora nessuna mail ufficiale con gli orari. Venerdì sono stata al collegio e ho preso appunti, forse ho capito male gli orari e quindi siccome non si può essere infallibili, chiedo scusa. Sicuramente miglioreremo; ringrazio per i suggerimenti. Ribadisco, però, che non abbiamo ricevuta nessuna nota ufficiale: io curo il sito della scuola eppure neanche a me nessuno ha dato notizie. E’ giusto che ognuno si assuma le sue responsabilità: per quanto riguarda il passaggio pedonale è bene sottolineare che lo ha chiesto e voluto espressamente la preside e lo vuole mantenere per sempre. Così come ci è stato chiesto dalla Dirigente Scolastica di non offrire il servizio di Scuolabus agli alunni che abitano vicino, ma io a nome mio e del sindaco Battilocchio, mi sono opposta. Noi ci impegnamo a garantire il serivizio a chiunque lo chiede e abbiamo predisposto due turni. Siamo anche dispobnibili a pagare una persona per contrallare i bambini che arrivano col primo turno. Il sindaco ci tiene a ribadire che il serivizio continuerà e nessuno sarà penalizzato».
Rom. Mos.

ULTIME NEWS