Pubblicato il

Spaccio di droga: sgominata banda a Bracciano

BRACCIANO – Spacciavano cocaina e, minacciandoli anche con l’uso di armi da fuoco, tentavano di estorcere denaro ai clienti che non pagavano.

I carabinieri della compagnia di Bracciano, con l’ausilio del Nucleo carabinieri cinofili di Roma di Santa Maria di Galeria, hanno dato esecuzione all’ordinanza di misura cautelare emessa dal gip del Tribunale di Civitavecchia nei confronti di quattro persone, indagate a vario titolo per spaccio di sostanze stupefacenti, tentata estorsione, detenzione illegali di armi e munizioni e lesioni personali. Avviata nel settembre 2014, con il coordinamento della procura della Repubblica di Civitavecchia e condotta dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Civitavecchia, le indagini si sono concentrate su un 38enne per lo spaccio di cocaina. Come ricostruito dai militari, l’uomo, in collaborazione con altri due arrestati, intimidiva i clienti cercando di estorcere denaro a chi non pagava. Nei confronti dei tre, di età compresa tra i 34 e 55 anni, è stata disposto il carcere, mentre nei confronti di un altro giovane, di 34 anni, è stata stabilita la misura del divieto di dimora.

L’indagine è partita nel settembre 2014 dopo il danneggiamento di un’auto, colpita da colpi d’arma da fuoco. Dalle indagini era emerso che la vittima, residente a Bracciano, aveva contratto debiti con uno dei quattro arrestati per l’acquisto di sostanze stupefacenti. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, i tre arrestati detenevano illegalmente armi da fuoco e non esitavano ad utilizzarle sia per intimorire i loro debitori sia per assicurarsi il predominio nella gestione dei traffici illeciti nella zona del comune di Bracciano. Nel corso dell’indagine, fino al febbraio 2015, sono state sequestrate numerose dosi di sostanze stupefacenti, vario munizionamento dello stesso calibro di quello utilizzato per il danneggiamento dell’auto.

ULTIME NEWS