Pubblicato il

Cucciniello: «Le aule cercate da febbraio»

Santa Marinella. La delegata comunale replica agli attacchi di Paola Rocchi, leader della lista civica ‘‘Un’altra città è possibile’’: «Già fatti anche due bandi pubblici andati deserti. Nonostante ciò collocati tutti i bambini»

Santa Marinella. La delegata comunale replica agli attacchi di Paola Rocchi, leader della lista civica ‘‘Un’altra città è possibile’’: «Già fatti anche due bandi pubblici andati deserti. Nonostante ciò collocati tutti i bambini»

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – Dopo le polemiche dei giorni scorsi, scaturite con l’apertura della stagione scolastica e le esternazioni della leader della lista civica Un’altra Città è Possibile Paola Rocchi, che aveva duramente attaccato l’amministrazione comunale rea di non aver provveduto alla realizzazione di strutture scolastiche per consentire a tutti i bambini di poter frequentare i plessi comunali ed evitare così ai genitori dei bambini di pagare le rette salate agli asili nido privati in convenzione, oggi è l’assessore alla Pubblica istruzione Rosanna Cucciniello a replicare a queste accuse. 
«Non siamo stati di certo con le mani in mano – afferma l’assessore Cucciniello – come contrariamente afferma la consigliera Rocchi, visto che già dal febbraio scorso avevamo avviato l’iter per la ricerca di aule idonee all’attività scolastica. Successivamente abbiamo espletato ben due bandi pubblici, entrambi andati deserti ma nonostante tutto, insieme alla dirigente scolastica, siamo stati in grado di collocare tutti i bambini della scuola dell’obbligo. 

«Queste difficoltà sono emerse dalla chiusura di alcune classi delle Scuole Benedettine. Per quanto riguarda lo spostamento delle sezioni, ribadisco che queste non sono decisioni prese dall’amministrazione comunale ma dalla dirigenza scolastica, in base alle esigenze della scuola stessa». 

«L’iter è stato certamente lungo – continua la Cucciniello – ma la soluzione è stata trovata, visto e considerato che abbiamo raggiunto una accordo con i proprietari dell’immobile che ospitava l’ex scuola Monte Calvario di piazza Trieste, nella quale troveranno posto, oltre ai bambini delle tre sezioni della materna Pirgus, anche gran parte dei bambini attualmente in lista d’attesa della scuola dell’infanzia». «Prima della fine del mese dunque – conclude la Cucciniello – riapriremo finalmente i cancelli di una struttura chiusa da due anni e garantiremo istruzione e formazione a tutti i bambini di Santa Marinella».

ULTIME NEWS