Pubblicato il

Pro Loco, il disastro finanziario arriva in Tribunale

Pro Loco, il disastro finanziario arriva in Tribunale

Prima udienza civile oggi al Palazzo di Giustizia all’indomani del buco lasciato dalla precedente gestione dell’associazione senza scopo di lucro. L’assemblea dei soci ha dato mandato alla nuova presidenza di avviare un’azione volta a riconoscere le responsabilità

CIVITAVECCHIA – Prima udienza civile questa mattina in Tribunale per il caso Pro Loco. La nuova dirigenza, infatti, ad ottobre dello scorso anno, ha avviato un’azione volta a riconoscere le responsabilità della passata gestione oltre che volta ad ottenere il risarcimento dei danni causati all’associazione privata di ogni risorsa per svolgere i suoi compiti di sviluppo e promozione del territorio. Il motivo? Il buco lasciato in eredità. Al momento dell’insediamento, infatti, la nuova presidenza decise di ricreare da zero il bilancio 2013 in fase di approvazione, procedendo ad una rivalutazione dei beni presenti (fatta da un revisore), e ad una minuziosa ricostruzione di tutti i movimenti, facendo poi certificare il bilancio da appositi professionisti. Dalla ricostruzione sarebbe emersa una situazione drammatica: ciò che erano ‘‘costi sospesi’’ nel bilancio 2012 (oltre 112 mila euro) messi tra le attività, erano in realtà debiti sommati a quelli che, sempre nel bilancio 2012, erano indicati nel passivo come ‘‘debiti contributi stipendi’’ pari ad oltre 127 mila euro. Alla fine della ricostruzione sarebbe emersa quindi una perdita di esercizio di 224.736,62 euro con un passivo di 266.807,58 euro. E poi i contributi non versati al personale così come gli stipendi, 60 mila euro di debiti verso fornitori, altrettanti verso l’erario e gli enti previdenziali e assistenziali. Una situazione a seguito della quale l’assemblea dei soci ha dato mandato all’attuale presidenza di procedere nei confronti della passata gestione rappresentata dell’ex presidente Fabrizio Delogu.

ULTIME NEWS