Pubblicato il

Pascucci: «Su Prg hanno le stesse posizioni di Ruspoli»

Pascucci: «Su Prg hanno le stesse posizioni di Ruspoli»

Intervista al sindaco Alessio Pascucci che si interroga sulle posizioni dei consiglieri Orsomando (Fi) e De Angelis (Pd). Il sindaco: «Alleanza consolidata tra Pd e Fn. Coerenza e serietà di sedicenti politici»

CERVETERI – A Cerveteri sono ormai quotidiane interrogazioni ed esposti contro l’azione amministrativa della maggioranza. Un fermento politico che vede dall’inizio dell’estate un’accelerazione notevole. Dopo il vicesindaco a rispondere ad alcune domande in merito è il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci.
Sindaco, l’opposizione alla sua maggioranza vede negli ultimi mesi un’accelerazione. Nei giorni scorsi il vicesindaco Zito ha collegato questo fatto all’approvazione delle linee guida del piano regolatore, condivide la sua analisi?
«Come sempre, sono perfettamente d’accordo con Giuseppe Zito. Ma va detto che tutto ciò vale soltanto per un pezzo dell’opposizione. 
Quella pretestuosa che si è svegliata soltanto ora e che, guardate un po’, usa le stesse parole d’ordine e le stesse espressioni dei grandi imprenditori della città non contenti del nuovo piano regolatore. Il Presidente del Consiglio comunale Salvatore Orsomando e l’ex Presidente della Commissione urbanistica Aldo De Angelis chiedono che il nuovo piano regolatore tenga conto del piano Provinciale (in realtà già lo fa, ma loro non se ne sono accorti) e condannano fortemente la risoluzione della questione di Campo di Mare. 
Il caso vuole che siano le uniche due obiezioni mosse da Ruspoli nel suo attacco alle linee guida inviato al Comune. Ricordo, per chi ha la memoria corta, che Ruspoli aveva allegato alla sua lettera dei documenti riservati, non ancora resi pubblici, messi a disposizione soltanto dei Consiglieri comunali… forse oggi possiamo fare due più due».
Oggi apprendiamo di numerosi esposti fatti su questioni che però erano nell’agenda politica diversi mesi fa. Perché solo oggi vengono portate alla luce?
«Non lo so, dovrebbe chiederlo agli esponenti. Posso soltanto ricordare che il Presidente del Consiglio Salvatore Orsomando non ha questo incarico per meriti acquisiti, ma soltanto virtù dei voti che ha chiesto e ottenuto dalla nostra maggioranza. Diciamolo ai cittadini. Percepisce un’indennità mensile pari a quella degli assessori, che però tutti i giorni vengono in Comune per risolvere i problemi della città.Il Presidente Orsomando in Comune l’abbiamo visto poco, e soprattutto negli uffici tecnici. Proprio in questi giorni ha contestato la legittimità della nomina del dirigente Nunzi, non le sembra una contraddizione? Il Presidente Orsomando non è  obbligato a venire tutti i giorni in comune, sia chiaro. 
Ma oggi accusa la nostra Amministrazione, quella a cui ha chiesto i voti per essere eletto Presidente, di scarsa trasparenza. Allora perché rimane a fare il Presidente?Senza dimenticare che negli ultimi Consigli Comunali Orsomando spessissimo ha lasciato il banco della Presidenza alla Vicepresidente Federica Battafarano (che, invece, non percepisce nessuna indennità). Vuole continuare a fare il Presidente? Benissimo. Allora lo faccia. Ma lo faccia seriamente. Ha tutto il diritto di fare opposizione, sia chiaro. 
Ma non può affermare che alcuni atti arrivati in Aula nei Consigli Comunali non siano stati legittimi. Perché i Consigli sono convocati proprio da lui, in quanto Presidente del Consiglio. È Orsomando che firma gli Ordini del Giorno (anche se i punti sono proposti dall’Amministrazione). 
Funziona così: Orsomando come Presidente (con l’indennità mensile) viene in Comune e convoca i Consigli comunali firmando l’Ordine del Giorno; poi Orsomando come Consigliere di opposizione, arriva in aula e si accorge che gli atti non sono legittimi contestando il suo stesso lavoro. Allora chiedo: perché ha fatto la convocazione? Perché non ha verificato prima? Forse perché ci sono sempre stati tutti i pareri di regolarità tecnica. Le cose sono due: o non sa fare il Presidente o non sa fare l’opposizione».
Oltre questo ci sarà anche una fibrillazione dovuta all’avvicinarsi della scadenza elettorale del 2017. Questa larga alleanza di opposizione reggerà alla campagna elettorale?
«Io me lo auguro. L’alleanza oramai consolidata tra il PD e Forza Nuova e la nuova vicinanza tra Salvatore Orsomando e il neo consigliere PD Aldo De Angelis, stanno dimostrando ai cittadini di Cerveteri la coerenza e la serietà di molti sedicenti politici. Chissà cosa faranno alle elezioni: si presenteranno tutti insieme o rinnegheranno anni di collaborazioni? Se la immagina una coalizione con Onorato e Falconi? 
Con Orsomando e De Angelis? Per quello che riguarda il Comitato “Pascucci a casa”, ho visto che nonostante l’appello a tutte le opposizioni (dal PD a Forza Nuova passando per i socialisti) hanno raccolto 5.000 firme contro le oltre 8.000 promesse. E, per giunta, lo hanno fatto senza richiedere nessun documento e facendo firmare i cittadini con le proposte più disparate. Non mi sembrano bravi a mantenere neanche gli impegni facili. 
Non solo, all’assemblea tanto sbandierata, c’erano 50 persone. E le altre 4.950?».

ULTIME NEWS