Pubblicato il

Il Roan dichiara guerra all'evasione

Il Roan dichiara guerra all'evasione

CIVITAVECCHIA – La Guardia di Finanza, con il suo reparto operativo aeronavale, ha intensificato i controlli nel litorale laziale.
Tra giugno e settembre gli uomini della Finanza hanno intensificato i controlli in tutto il territorio, regionale e costiero, Laziale in concomitanza con l’aumento del traffico turistico nelle acque territoriali durante la bella stagione.
I finanzieri della Stazione Navale di Civitavecchia, della Sezione Aerea di Pratica di Mare e delle Sezioni Operative Navali di Gaeta, Anzio e Lido di Ostia hanno lavorato, per fini di polizia doganale, ambientale, demaniale e tributaria, lungo il litorale, recuperando oltre 363.000 euro di tasse evase, 800 soggetti messi a verbale. Sono state verificate, inoltre, 551 violazioni, denunciate 10 persone, ancora in libertà ed attuate 6 denunce contro ignoti.
L’impegno degli uomini della Finanza ha portato anche al riscontro di ben 22 violazioni in materia di IMU, per un’evasione complessiva di 142.000 euro.
In materia di abbonamenti radio/tv e concessioni governative le violazioni trovate sono 51, per un totale di 12.000 euro di imposta evasa. In ambito “lavoro” sono stati trovati 8 lavoratori in nero, 1 lavoratore con contratto irregolare e 4 casi di omessa dichiarazione di rapporto di lavoro instaurato.
Per quanto riguarda la “pesca”  le violazioni sono 39, mentre per l’ambiente parliamo di 15 violazioni a cui è seguita la denuncia all’autorità giudiziaria di 6 responsabili.
Ma i numeri continuano a crescere. In materia di tassa annuale sulle unità di diporto, sono state riscontrate 47 violazioni con il conseguente recupero di 61.000 euro di imposte evase.  
Per gli aeromobili si parla di 11 controlli effettuati tra cui 1 irregolare per mancato pagamento della tassa, 4 soggetti che hanno provveduto al ravvedimento operoso a seguito dell’inizio del controllo e 6 soggetti che invece hanno regolarmente adempiuto ai pagamenti.
 Nel settore demaniale, invece, abbiamo un totale di 139.000 euro recuperati, per canoni di concessione evasi.
Inoltre, sono state riscontrate 6 violazioni per occupazione abusiva del demanio marittimo e per l’inosservanza delle disposizioni dell’Autorità Marittima.
Nei quattro mesi estivi, oltre ai tributi evasi di cui abbiamo parlato, sono state comminate circa 124.000 euro di pene pecuniarie minime. Il Reparto Operativo Aeronavale di Civitavecchia è stato anche impegnato in controlli ambientali in alto mare, tramite le unità navali maggiori ed elicotteri, adempiendo all’accordo tra Guardia di Finanza ed il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, vigilando contro l’inquinamento della Zona di protezione Ecologica del Tirreno Centrale.
 Nei mesi di ottobre e novembre il Reparto civitavecchiese sarà operativo nella zona di Lampedusa, contribuendo, con un proprio elicottero e relativo equipaggio, al pattugliamento marittimo anti immigrazione nell’ambito del dispositivo Frontex.
Questi sono i numeri che mostra il Comandante della Stazione di Civitavecchia, il tenente colonnello Mirko Tedeschi a conferma dell’impegno della Guardia di Finanza sul territorio locale.
 

ULTIME NEWS