Pubblicato il

Tanta commozione alla manifestazione in onore di Ledda, Rosati e Bucci

Tanta commozione alla manifestazione in onore di Ledda, Rosati e Bucci

Grande partecipazione giovedì pomeriggio alla Cavaccia

ALLUMIERE – Grande partecipazione e tanta commozione per la manifestazione che si è tenuta giovedì pomeriggio alla Cavaccia in onore dei tre grandi personaggi Ledda, Rosati e Bucci, che hanno reso grande lo sport e, in particolare, il calcio allumierasco e collinare. Oltre 200 persone si sono ritrovati per onorare questo trio di grandissimi uomini che nessuno ha dimenticato. La manifestazione si è aperta con un momento di raccoglimento per Flavio Gagliardini e per la sua famiglia e poi sono state consegnate le targhe. Il delegato allo Sport Volpi (che si è complimentato per la perfetta organizzazione), Vincenzo Scialappa e Ambrogio De Paolis hanno consegnato le targhe a Vittoria (moglie di Rosati), Rina (moglie di Bucci) e a Pina (figlia di Ledda) e poi sono state spese parole per ricordare questi tre amici con la certezza che continuano dall’alto a seguire il calcio allumierasco e saranno sempre gli angeli custodi della società biancoceleste. All’evento hanno partecipato anche esponenti del calcio dei comuni limitrofi, visto che i tre nella loro vita hanno ottimamente seminato non solo ad Allumiere. Molto avvincente la partita fra ‘‘vecchie e nuove glorie’’; al termine della sfida la conviviale presso Tramontana. Tutto è andato alla perfezione grazie all’impegno degli organizzatori che sono riusciti a dar vita a un evento piacevolissimo e che in tanti vorrebbero che divenisse una tradizione. «Questa la consideriamo la prima edizione – scrivono gli allumieraschi – di tante altre che vogliamo che si susseguano negli anni anche perché è il modo migliore per onorare Ledda, Rosati e Bucci». Complimenti agli organizzatori anche dal consigliere di minoranza Duccio Galimberti: «È stato bellissimo vedere tanta gente (anche dei Comuni limitrofi) insieme per ricordare questi tre indimenticati amici, tre uomini di sport veri che hanno dedicato la loro vita per il calcio allumierasco e non solo e quindi si sono meritati affetto e rispetto guadagnato sul campo. È stato un onore aver preso parte alla partita». (Rom. Mos.)

ULTIME NEWS