Pubblicato il

Assegnati i punteggi a 14 pratiche su 25

Assegnati i punteggi a 14 pratiche su 25

Conclusi i lavori della commissione istituita ad hoc per valutare le richieste di rimborso

S. MARINELLA – Si sono conclusi in questi giorni i lavori della commissione comunale istituita ad hoc dalla giunta Bacheca, per valutare le richieste di rimborso presentate da coloro che sono stati danneggiati dal nubifragio del novembre 2014. Per consentire una forma di recupero delle spese sostenute a chi aveva subìto i danni derivanti da tale calamità, l’amministrazione comunale, ha istituito un fondo straordinario di solidarietà comunale di circa centomila euro, stabilendo anche i relativi criteri per accedervi. Cinquantotto sono state le richieste pervenute, trentanove da privati cittadini, undici da aziende e otto da condomini. Nel corso dei lavori della commissione è emersa anche la necessità di richiedere ai cittadini danneggiati, varie integrazioni documentali, relativamente a titoli edilizi, dichiarazioni Isee, documentazioni fotografiche. Non hanno dato corso a questa ulteriore integrazione ben quattordici privati e, pertanto, la commissione ha sancito l’inammissibilità delle relative domande. Delle venticinque richieste di rimborsi, altre undici sono state dichiarate inammissibili per mancanza dei requisiti previsti dalla delibera di giunta comunale. Le restanti 14 sono state ritenute ammissibili dalla stessa Commissione che ha assegnato i relativi punteggi a cui corrisponde un valore economico pari al contributo erogabile. Sono nove invece le domande della aziende accolte, mentre altre due sono state respinte poiché carenti della documentazione necessaria. I condomini che hanno ottenuto il riconoscimento del diritto al rimborso sono tre, a fronte di ulteriori cinque domande non ammesse per carenza documentale o per mancanza dei requisiti richiesti. In totale, pertanto, le domande accolte sono state 26. Gli atti del procedimento eseguito dalla commissione comunale sono depositati presso il Servizio Economico e Finanziario e potranno essere consultati quindi da chi ne fa richiesta. (Gi.Ba.)

ULTIME NEWS