Pubblicato il

Allarme movida al Ghetto

Allarme movida al Ghetto

Bottiglie rotte e sporcizia ovunque. Residenti e commercianti si appellano all'amministrazione e chiedono controlli

di FLAVIA BAZZANO

CIVITAVECCHIA – È di nuovo emergenza movida al Ghetto: commericianti e residenti lanciano in rete un appello al Sindaco e all’assessore al Commercio. Non è bastata l’ordinanza del 18 aprile (in vigore fino al 31 gennaio 2016) che vieta la vendita di alcolici in contenitori in vetro per l’asporto nelle ore notturne e impone la limitazione delle attività rumorose connesse a forme d’intrattenimento. Le foto scattate domenica mattina da un commerciante della zona mostrano un’ingente quantità di rifiuti, bottiglie e persino di escrementi abbandonati in terra dai frequentatori del sabato sera (anche sulla soglia dei negozi). La spazzatura però è solo la punta di un iceberg che include parcheggi incontrollati e mancanza di sicurezza.

«È vergognoso! Noi chiudiamo! Noi non ci stiamo più» dichiara uno dei commercianti dando sfogo alla frustrazione di chi il Ghetto lo vive tutti i giorni, investendo su una delle zone più frequentate dai civitavecchiesi, ma che rimane abbandonata in condizioni di degrado che peggiorano un fine settimana dopo l’altra. Più controllo è quello che invoca a gran voce lo scrivente che denuncia, inoltre, come ormai siano i cittadini esasperati a doversi associare spontaneamente agli addetti alle pulizie per riportare un po’ di decoro al Ghetto. Chi scrive invita il Consiglio Comunale a visitare la zona di persona per toccare con mano l’insostenibilità di una situazione che da patologica rischia di diventare una spiacevole consuetudine.

ULTIME NEWS