Pubblicato il

Ladri in fuga tentano di investire i poliziotti: arrestati

Ladri in fuga tentano di investire i poliziotti: arrestati

Parapiglia stanotte a Montalto di Castro durante alcuni controlli della Squadra Mobile di Viterbo. Dopo un concitato inseguimento, sono stati bloccati due giovani moldavi. Sparati anche alcuni colpi di pistola

MONTALTO – Parapiglia stanotte a Montalto di Castro dove alcuni ladri sono stati messi in fuga e poi arrestati dalla Polizia della Squadra Mobile di Viterbo.

Nell’ambito di specifici  servizi  finalizzati a contrastare il fenomeno  dei reati contro il patrimonio, due moldavi, di 29 e 25 anni,  sono stati arrestati  dalla Polizia per lesioni, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato  e ricettazione.

L’episodio si è verificato in piena notte,  quando il personale della Squadra Mobile,  nell’ambito di un’operazione di polizia giudiziaria, ha sottoposto a controllo un’autovettura ferma in un parcheggio  alla Marina. 

I due soggetti a bordo, alla vista degli operatori, dopo aver messo in moto l’autovettura ed aver speronato il mezzo di servizio, in modo repentino hanno cercato anche di investire  gli operatori della Squadra Mobile per darsi alla fuga.

I poliziotti sono però riusciti, abilmente,  ad evitare l’impatto, bloccando il veicolo e traendo in arresto i due moldavi.

A bordo dell’autovettura, risultata rubata ad Acquapendente, a seguito della perquisizione,  sono stati rinvenuti strumenti  atti allo scasso.

«L’attività di prevenzione disposta in modo sempre più incisivo e diffuso, finalizzata a garantire, nell’arco delle 24 ore, un continuo e un capillare controllo del territorio – spiegano dalla Questura di Viterbo – ha prodotto i risultati sperati, anche grazie alla preparazione professionale degli uomini della Polizia di Stato della Squadra Mobile intervenuti, anche se, per l’ennesima volta, l’atteggiamento dei soggetti sottoposti a controllo a bordo di un’autovettura che tentano la fuga senza scrupolo alcuno, ha messo a repentaglio l’incolumità delle forze dell’ordine che, a scopo intimidatorio, hanno dovuto persino esplodere quattro colpi d’arma da fuoco». (a.r.)

ULTIME NEWS