Pubblicato il

Omaggio a Madre Maria Crocifissa Curcio

Omaggio a Madre Maria Crocifissa Curcio

Tre giorni di appuntamenti per il decimo anniversario della sua beatificazione

SANTA MARINELLA – La città rende omaggio a Madre Maria Crocifissa Curcio nel 10° anniversario della sua beatificazione, attraverso una tre giorni di appuntamenti organizzati dalle Suore Carmelitane Missionarie di Santa Teresa del Bambino Gesù, di cui la madre fu fondatrice agli inizi del secolo scorso. I momenti di preghiera, accompagnati da cerimonie religiose, apriranno domani la tre giorni di appuntamenti che si concluderanno domenica con la solenne concelebrazione presieduta dal Vescovo della Diocesi Monsignor Gino Reali. «Un momento molto significativo per la nostra città – dichiara il sindaco Roberto Bacheca – nel ricordo di una donna straordinaria che tanto ha dato alla nostra comunità, fondatrice delle Suore Carmelitane Missionarie di Santa Teresa del Bambino Gesù, che ancora oggi sono un punto di riferimento per moltissime famiglie. Nel decennale della sua beatificazione, un doveroso omaggio di memoria e di preghiera presso le strutture delle suore Carmelitane». Rosa Curcio, a undici anni, lesse la vita di S. Teresa d’Avila, e scoprì la sua vocazione, essere fondatrice di un Carmelo missionario dedito alla contemplazione della parola di Dio e all’amore verso il prossimo, perché nessuno fosse escluso dalla gioia portata dal Salvatore. A tredici anni si iscrisse al terz’ordine Carmelitano del suo paese, scegliendo il nome di Suor Maria Crocifissa, per farsi compagna di Gesù nel cercare la felicità degli altri come la cerca il padre buono che è nei cieli, nel salvare la gioventù smarrita tra gli inganni del mondo. Era molto sensibile verso i piccoli, i poveri e gli infermi, soprattutto verso coloro che spesso sono disprezzati e dimenticati e non hanno nulla da ricambiare e in loro riconosceva il suo Gesù, abbandonato e sofferente che aveva imparato ad amare e consolare sin da bambina, nella chiesa vicina. Spinta da questo amore, nel 1909 iniziò con alcune compagne terziarie, la sua prima missione nella casa paterna, che poi continuò a Modica dove le fu affidata la direzione di un’opera di beneficenza per bambine orfane, che educò con amore per farne donne stimabili per virtù, utili a sé e alla società. Si unirono a lei molte giovani affascinate dalla sua figura di madre e dall’ideale del Carmelo missionario. In unione di intenti e di azione con Padre Lorenzo, fondarono a Santa Marinella nel 1925 la famiglia delle Suore Carmelitane missionarie che guidarono con la sapienza della croce. La missione si sviluppò prima in Italia, poi in Brasile nel 1947 espandendosi sempre di più nel mondo tanto che oggi sono attive molte missioni in Italia, Brasile, Malta, Canada, Tanzania, Filippine, Romania , Indonesia, Vietnam e India.

Gi.Ba.

ULTIME NEWS