Pubblicato il

Il bovino maremmano dell’Agraria di Allumiere finisce sui banchi del supermercato

Il bovino maremmano dell’Agraria di Allumiere finisce sui banchi del supermercato

Lo annuncia il presidente dell’ente Antonio Pasquini che elogia il prodotto locale distribuito a chilometri zero 

di GLORIA TROTTI

ALLUMIERE – Bovino Maremmano e Agraria di Allumiere: un abbinamento che sta sempre più prendendo corpo in collina. Per i buongustai della carne e per chi cerca un prodotto buono, sano e genuino, da questo sabato presso il reparto macelleria del supermercato ”Meta” di Massimo Parigiani ad Allumiere, sarà in vendita la pregiata e nutriente carne di bovini maremmani provenienti dall’allevamento biologico dell’Ente collinare: stessi prezzi del convenzionale per una carne la cui genealogia ed alimentazione è certa. «Il bovino, nato 23 mesi fa sui pascoli della località Cesi della Vaccareccia, ha poi pascolato allo stato brado sotto l’attento controllo dei nostri butteri nel centro di Colle di Mezzo, terreni di proprietà a gestione diretta del nostro Ente, questi terreni sono inclusi nella Zps dalla CE e certificati biologicamente – spiega il presidente Antonio Pasquini – l’introduzione della nostra carne nelle mense scolastiche di Allumiere ha fatto registrare un incremento notevole delle richieste e delle vendite di carne maremmana: sono terminati i tempi in cui i commercianti toscani e umbri venivano ad Allumiere e acquistavano bovini di 3/6 mesi per introdurli nelle proprie mandrie e poi, dopo averli ingrassati li commercializzavano. Interventi mirati nell’alimentazione, pascolo, genetica e nella realizzazione di strutture idonee nell’azienda, hanno incrementato la nostra mandria, ed ora sperimentiamo la vendita a km 0 direttamente nel supermercato ”Meta”. Le caratteristiche della carne dei nostri bovini sono la sapidità, un elevato contenuto proteico e una moderata presenza lipidica, con un ottimo equilibrio tra acidi grassi saturi e insaturi, quindi indicata per i soggetti anemici e nelle diete iperproteiche ed ipolipidiche».

ULTIME NEWS