Pubblicato il

Sconto di pena per Falcioni, il sindaco Pascucci «indignato»

Sconto di pena per Falcioni, il sindaco Pascucci «indignato»

Il primo cittadino scrive sui social contro l’uomo che ha massacrato di botte la ragazza

CERVETERI – Ad una settimana circa dalla sentenza che ha ridotto la pena a Maurizio Falcioni, l’uomo che ha massacrato di botte Chiara Insidioso Monda, anche il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci attraverso il suo profilo social ha lanciato un messaggio di solidarietà a Chiara e il commento personale sullo sconto di pena applicato. «Schifato. Indignato. Addolorato. Addolorato, questa forse la parola più adatta. C’è voluto del tempo, non so più quanto, per riuscire a dire e a scrivere. Perché? A tormentare è una sentenza che fa sconti. Perché? Chiara è stata massacrata, ridotta in fin di vita, da un ‘‘uomo’’ – scrive il primo cittadino sulla sua bacheca Facebook – Dopo mesi di coma, di assenza e tentativi di cura e salvezza, di amore e preghiere, di abbracci e fiaccole. Tutto per chiederle di non mollare, per ricordarle che molti stavano e stanno con lei. Tutti quegli ‘‘Io sto con Chiara’’ che ancora sventolano su tante finestre della nostra città. Non mollare, Chiara. E Chiara non ha mollato. È tornata. E subito, prima che potesse riprendere fiato, subito, è stata ferita e aggredita di nuovo. Stavolta da una sentenza che ammorbidisce, che sconta, che riduce, un crimine così violento». «È vero: una sentenza senza sconti non avrebbe ridato a Chiara la sua vita da diciannovenne, non avrebbe tolto niente agli orrori – scrive infine il primo cittadino – Ma forse il peso, quel peso enorme, sarebbe stato sostenuto in parte da una giustizia che senti dalla tua parte, dalla parte di chi è vittima di un crimine e di un criminale che davvero non avevano bisogno di sconti. Oggi ci sembra di colpirla di nuovo. Con l’aggravante che sono le istituzioni a farlo. Di nuovo colpita da chi dovrebbe prendersi cura di te. Io sto con Chiara».

ULTIME NEWS