Pubblicato il

Maxi discarica abusiva a Prato del mare

Maxi discarica abusiva a Prato del mare

Ripulita dai Rangers. Astori: «In corso alcune verifiche»

S. MARINELLA – Nonostante le telecamere, il controllo delle guardie zoofile e dei Rangers D’Italia, ci sono cittadini e furgonisti senza un minimo di coscienza civica che gettano rifiuti nelle colline e nelle zone più nascoste della città. Da tempo infatti villeggianti e residenti, continuano ad invadere le bellissime aree in altura della Perla del Tirreno e gli appezzamenti di terreno incolto, di materiali pericolosi, scarti edili e da giardino, frigoriferi e stufe a gas, mobili in legno. Insomma un vero e proprio grande magazzino di materiale usato o in disuso. Ma se esiste un’isola ecologica dove è possibile portare tutti questi rifiuti, perché non utilizzarla? C’è chi dice che non è sempre aperta e chi, invece protesta perché non raccoglie tutti i differenziati. Tutte scuse per non conferire in un’area adibita appositamente per questo servizio, mentre è più facile scaricare con il furgone in aperta campagna. Ieri, i volontari dei Rangers D’Italia hanno provveduto a ripulire una enorme discarica abusiva nei pressi del nuovo quartiere di Prato del Mare. «Una volta per tutte – dice il delegato all’Ambiente Luca Astori – abbiamo fatto il modo che quest’area adibita dal Comune a parcheggio riservato alla piscina comunale, non subisse più rischi di avvelenamento dai rifiuti illecitamente trasportati ed abbandonati abusivamente sul suolo pubblico, in barba alle leggi e sopratutto al senso civico che ognuno di noi dovrebbe portare dentro. L’area, mai utilizzata dai fruitori dell’impianto sportivo, era già stata bonificata in seguito ad un sequestro effettuato tempo fa dalla Guardia forestale. Il fenomeno, purtroppo, si è ripetuto così i Rangers hanno relazionato alle autorità competenti ed io, come delegato, ho esortato gli uffici comunali a prendere le dovute contromisure. Grazie alla collaborazione di tutti, è stato possibile bonificare l’area e metterla in sicurezza. Ma sono in corso anche delle verifiche sul trasporto dei rifiuti ai furgonisti che devono avere l’autorizzazione e il formulario preposto. Rimane il fatto che il titolare dei rifiuti è obbligato in solido, con il trasportatore, in caso di verbale o denuncia. Per cui, invito le persone che danno mandato a terzi di smaltire i rifiuti, di farlo solo con coloro che sono preposti ed a farsi rilasciare la ricevuta». Un’altra situazione che ha del paradossale è stata posta all’attenzione dell’amministrazione comunale dal Comitato Via Delle Colonie che denuncia la presenza di alcune enormi discariche a due passi dalle sedi operative del Nucleo Sommozzatori e dei Boy Scout. Sono terreni di proprietà dell’Arsial che vengono invasi di rifiuti pericolosi e materiali ingombranti.

ULTIME NEWS