Pubblicato il

Ticket sanitari, la Asl a disposizione dei cittadini

Ticket sanitari, la Asl a disposizione dei cittadini

CIVITAVECCHIA – Asl a disposizione dei cittadini all’indomani dei ticket “pazzi” in arrivo dalla Regione Lazio. Migliaia di richieste sono partite dalla Pisana, dirette ai cittadini, con la richiesta di somme per prestazioni o acquisto di farmaci. Da giovedì tutte le informazioni e i chiarimenti sul recupero dei ticket sanitari saranno forniti direttamente agli sportelli di prenotazione e cassa nelle sedi dei distretti della Asl.

Itermine per la contestazione e il pagamento delle somme indicate nell’avviso è stato esteso da 30 a 90 giorni dalla notifica, quindi gennaio 2016. Per questo motivo, anche per evitare disagi e attese troppo lunghe, si invitano coloro che hanno ricevuto l’avviso a non recarsi più nella sede centrale della Regione, (come riportato nell’avviso) ma direttamente nei punti attivi sul territorio e cioè al Cup di via Etruria per il Distretto F1-Civitavecchia, al poliambulatorio di via Aurelia per il Distretto F2 – Ladispoli, all’ospedale Padre Pio di Bracciano per il Distretto F3 – Bracciano e al poliambulatorio di via Tiberina per il Distretto F4–Capena.

Per consentire la formazione degli operatori che saranno a disposizione degli utenti, per la sola giornata di oggi, gli sportelli Cup di Tolfa e Fiano rimarranno chiusi. Tutte le altre sedi dei Cup resteranno aperte ma per lo stesso motivo potranno funzionare a regime ridotto.

“L’operazione di recupero dei ticket sanitari evasi, lanciata in questi giorni dalla Regione, ha come obiettivo quello di ristabilire l’equita contributiva per tutti i cittadini del Lazio – hanno spiegato dalla Asl – basti considerare che dallo screening su 1 milione di cittadini esenti, sono emersi circa 235mila casi di soggetti che hanno usufruito dell’esenzione per reddito sul ticket per prestazioni sanitarie senza ovviamente averne diritto. I controlli sono stati fatti sulle due annualità 2009 e 2010, incrociando i dati con l’Anagrafe tributaria dell’Agenzia delle Entrate. In queste prime due settimane già 30.000 cittadini hanno regolarizzato la propria posizione e sono stati recuperati 3,3 milioni euro ed il Presidente Zingaretti ha già dichiarato tutte queste somme saranno reinvestite per i servizi per le persone. È stato riscontrato un margine fisiologico di errore nell’invio della comunicazione all’incirca del 3% e per questi particolari casi la Regione sta predisponendo comunque una nuova lettera da inviare ai precedenti destinatari, che annulla, agendo in autotutela, gli avvisi inviati”.

ULTIME NEWS