Pubblicato il

Aumentano i controlli anche in porto

Aumentano i controlli anche in porto

Dopo Parigi allerta innalzata anche in città. Verifiche più rigide. Ieri vertice in Prefettura

CIVITAVECCHIA – Nel dopo Parigi aumentano i controlli anche a Civitavecchia. L’Italia è a un passo dal livello massimo di allerta e ieri, come richiesto dal Viminale, è stato convocato in Prefettura un vertice sull’ordine e la sicurezza per adeguare le misure di prevenzione e vigilanza degli obiettivi sensibili, a cui ha preso parte anche il commissariato locale di Polizia. Nel frattempo sono stati intensificati i già stringenti controlli anche al porto da parte della Polizia di frontiera, specie sulle tratte ‘‘calde’’, come può essere quella con Tunisi. I controlli si sono fatti più rigidi e nulla viene sottovalutato o lasciato al caso. Il livello di attenzione nello scalo è sempre alto, ma ovviamente dopo quanto accaduto in Francia, saranno ancora più presenti ed incisivi. Tante poi le iniziative messe in atto in città dopo il venerdì sera di sangue che ha colpito al cuore l’Europa tutta.

A partire dalle scuole dove ieri mattina, come era spontaneo che fosse ma anche su indicazione del ministro dell’Istruzione Giannini, che ha chiesto di ‘‘dare una risposta educativa e culturale ai fatti gravissimi’’, si è passati dal minuto di silenzio all’ora di riflessione, fino all’assemblea con ‘‘Imagine’’ di sottofondo.

La Comunità di Sant’Egidio ha organizzato invece per stasera alle 20 alla chiesa di Santa Maria dell’Orazione e Morte una veglia di preghiera in memoria delle vittime degli attentati di Parigi. Saranno ricordati i nomi di ognuna delle vittime e per ognuno sarà accesa una candela.

Con uno spirito simile il Pd ha promosso per giovedì sera alle 19 una fiaccolata di solidarietà per il popolo francese. «È tempo che il coraggio prevalga sulla paura – hanno spiegato – ritroviamoci tutti, partiti, sindacati, associazioni e cittadini, a piazza Fratti per esprimere la nostra vicinanza al popolo francese». SeL ha già garantito la propria presenza. «Dopo i terribili fatti di Parigi – ha spiegato il sindaco Antonio Cozzolino – mi limito a ricordare due valori che dovrebbero essere il filo conduttore di tutta l’umanità: la solidarietà, per tutte le vittime innocenti di tutte le guerre, e la pace, senza la quale non riusciremo mai a costruire un mondo migliore».

ULTIME NEWS