Pubblicato il

«Il Piano di emergenza è indispensabile»

«Il Piano di emergenza è indispensabile»

Paola Rocchi torna ad incalzare l’amministrazione

SANTA MARINELLA – La lista civica ‘‘Un’Altra Città è Possibile’’ interviene su un tema particolarmente importante per la cittadinanza, soprattutto perché è di vitale importanza, in caso di calamità naturale, si tratta del Piano di Emergenza Comunale, un atto molto atteso anche dalle associazioni di protezione civile. «È un documento indispensabile – dice la leader della lista Paola Rocchi – che deve però essere aggiornato al cambio della situazione. Infatti nel Pec c’è scritto come un Comune si deve muovere quando è in atto un’emergenza, terremoti, alluvioni, incendi, diffusione di sostanze chimiche pericolose, chi si deve muovere, dove stanno i mezzi che servono, chi li guida, dove stanno eventualmente le tende o gli altri mezzi del soccorso, dov’è il luogo di raccolta, dove la centrale operativa, come funziona, che succede se si interrompono i contatti, chi contatta le scuole o gli ospedali. Insomma, il piano organizza, razionalizza e velocizza le azioni per affrontare l’emergenza. La legge 100 del 2012, ha reso obbligatorio il Pec e Santa Marinella, su questo fronte, è fuori legge. Proprio noi che abbiamo avuto i morti con l’alluvione dell’81, abbiamo la maglia nera del comprensorio, visto che Civitavecchia, Allumiere e Tolfa hanno approvato e presentato il Piano in Regione». «Questa sarebbe stata la nostra situazione – continua la Rocchi – poiché in effetti dopo che l’opposizione ha portato almeno tre volte la questione in consiglio, il Comune ha di nuovo commissionato la redazione di un Piano di Emergenza Comunale ed ha anche pagato diecimila euro per la sua redazione, però lo tiene in un cassetto dallo scorso aprile». (Gi.Ba.)

ULTIME NEWS