Pubblicato il

Effetto Parigi: viaggi in calo

Effetto Parigi: viaggi in calo

Lo confermano le agenzie civitavecchiesi: dopo gli attentati in Francia partenze annullate e prenotazioni ridotte rispetto ai mesi scorsi. Anche le scuole preferiscono attendere  che il quadro sia più chiaro prima di organizzare le gite

di FRANCESCO BALDINI

CIVITAVECCHIA – I tragici eventi di Parigi hanno segnato profondamente il sentire comune, influenzando anche la quotidianità. Nei giorni successivi agli attentati abbiamo voluto fare qualche domanda alle agenzie di viaggio per scoprire l’impatto effettivo avuto sui viaggi e quindi sulle persone. «Abbiamo avuto un viaggio per Parigi annullato ed un altro per Londra – è quello che ci ha detto Francesca Sansolini, una delle titolari di Girogiromondo –  Non c’è un blocco da parte della Farnesina o dalle compagnie aeree ma c’è tanta paura e preoccupazione da parte dei turisti. Molti viaggi rimangono in sospeso: c’è il timore che giungano altri attentati. Tutta l’Europa è a rischio. Si stanno abbassando le richieste e questo ci preoccupa». 

Mentre Alessio Deriu di Impresa viaggi ci ha spiegato: «Sicuramente tutti i controlli sono stati intensificati ma le prenotazioni restano confermate anche se c’è ansia ed incredulità». «No, nessun annullamento – ci ha detto Laura Beraldi, co titolare di Supertour – ci sono state anche delle partenze questa mattina, non ci sono sconsigli ufficiali, non c’è motivo d’annullamento anche se la preoccupazione rimane alta». 

Enrica Lucaroni, impiegata di Traiano viaggi ha confermato che ci saranno delle partenze a settembre, prima di aggiungere: «La mentalità generale è rimasta influenzata: c’è molta preoccupazione e timore. Ci saranno sicuramente più controlli e più difficoltà per i turisti. Parigi è blindata o comunque etichettata negativamente tra le mete». 

Ci siamo recati nelle scuole, la prima ad accoglierci è stata la preside del liceo Classico, Giuseppa Maniglia, che ci ha voluto dire: « Non abbiamo avuto il tempo per prendere in esame la situazione, vogliamo prendere le distanze e far raffreddare la situazione. Gli alunni sono preoccupati, cerchiamo di mantenere la calma e rispettare il diritto alla vita». Stefania Tinti, preside dell’istituto Stendhal ha detto: «È un momento di prudenza generale. Abbiamo due gruppi confermati e due mobilità erasmus. I ragazzi e le famiglie sono d’accordo, ma il viaggio a Bruxelles per partecipare alla Fiera del turismo è sospeso. Restiamo in attesa di indicazioni più precise dalla Farnesina mentre valutiamo alternative nazionali a mete rischiose come Londra, cercando di rassicurare le famiglie». Per il liceo Scientifico, il vicepreside Sandro Moretti ha dichiarato: «Siamo in attesa di indicazioni ufficiali, ovviamente le gite con spostamento aereo ci preoccupano e dobbiamo tener conto anche delle decisioni delle famiglie». Emanuela Fanelli, la preside dell’istituto Calamatta, ha dichiarato che il collegio si sarebbe riunito per decidere il da farsi e che sono in corso iniziative di supporto psicologico.

ULTIME NEWS