Pubblicato il

Il Pd a Cozzolino: "Alla faccia della trasparenza"

CIVITAVECCHIA – «Cozzolino pare aver trovato con l’Enel molte affinità, così come è avvenuto con l’Autorità portuale nel recente passato, ma a dover svelare questi univoci sentimenti è l’opposizione». Questa è la conclusione del Gruppo consiliare del Pd. Piendibene, Stella e Tidei puntano il dito contro il Sindaco accusandolo di scarsa trasparenza ma sopratutto di aver ingannato i propri elettori: «Almeno su un aspetto il Sindaco ha detto la verità. Egli infatti non sta svendendo la città per 50 o 60 milioni, ma prova a farlo per 4.5 milioni da utilizzare per la spesa corrente, onde evitare il default finanziario ormai alle porte. Infatti entro il 31 dicembre, deve disperatamente trovare un’altra entrata per coprire il fallimento della tragicomica operazione Fiumaretta e quindi assicurare gli stipendi alla sua Giunta per i prossimi 3 anni e mezzo». Il Pd sembra non avere dubbi sul fatto che le colpe debbano ricadere su Cozzolino e continua: «Civitavecchia, con questa operazione, rinuncerà a tutte le convenzioni in essere che prevedevano centinaia di milioni in interventi infrastrutturali perché il suo Sindaco si è recato, più volte, col cappello in mano ad implorare l’Enel di fargli mantenere il suo immeritato status di primo cittadino –  ed insistono – I nostri concittadini dovrebbero sapere che, negli ultimi tempi, Cozzolino è stato un assiduo frequentatore degli uffici del colosso energetico e questo risulta indigeribile sopratutto per chi ricorda che le trattative  con Enel avvenivano a Civitavecchia nella casa comunale».

ULTIME NEWS