Pubblicato il

Sette pescatori di frodo nella rete di Capitaneria e Polizia stradale

Sette pescatori di frodo nella rete di Capitaneria e Polizia stradale

SANTA MARINELLA – Sabato notte il personale della Capitaneria di Porto di Civitavecchia, con il fattivo supporto della Polizia Stradale di Cerveteri – Ladispoli, ha inferto un ulteriore duro colpo alla pesca di frodo operata da soggetti provenienti da altre regioni della nostra penisola.

Previ appostamenti in borghese, gli uomini della Capitaneria hanno accertato la presenza di pescatori subacquei nel litorale di Santa Marinella. La zona, come noto, è ricca di echinodermi e, per questo motivo, è frequentemente presa d’assalto da pescatori di frodo che nell’effettuare l’attività di pesca abusiva deturpano i fondali marini privandoli di organismi vitali per l’equilibrio dell’ecosistema delle nostre coste. 

I militari, con l’ausilio di un’”auto civetta” e congiuntamente con le altre pattuglie della Polizia Stradale di Cerveteri – Ladispoli, hanno provveduto ad istituire un posto di controllo al casello autostradale di Torrimpietra, dove sono state fermate complessivamente sette persone presumibilmente di ritorno nella propria regione di provenienza.

Ai 7 pescatori di frodo sono stati complessivamente sequestrati n. 12.000 ricci di mare e tutte le attrezzature subacquee ancora bagnate.

Il personale della Guardia Costiera ha proceduto, contestualmente, ad elevare n. 7 sanzioni amministrative per un totale di 25.000 euro. Inoltre, ulteriori sanzioni amministrative sono state contestate dal personale della Polizia Stradale per un totale di 12.000 euro per violazioni del Codice della Strada.

L’attività operativa della scorsa notte si inquadra in una più ampia e complessa operazione di contrasto alla pesca illegale e verifica della filiera ittica a tutela dei consumatori e a protezione degli stock ittici.

Civitavecchia, 05/12/2015

ULTIME NEWS