Pubblicato il

Guerrucci: contratti di solidarietà per evitare i licenziamenti

Guerrucci: contratti di solidarietà per evitare i licenziamenti

CIVITAVECCHIA – Una schiarita sul fronte Guerrucci. Si è svolta ieri, presso i locali della mensa della centrale dell’Enel ‘‘Torre Valdaliga Nord’’, l’assemblea dei lavoratori della ditta Mario Guerrucci srl, avente come oggetto la dichiarazione degli esuberi da parte dell’azienda.
«Dopo una lunga discussione e dopo aver esaminato tutti gli elementi della difficile trattativa in corso –  spiegano le organizzazioni sindacali presenti, Fabio Palmieri per la Fiom e Roberto Bonomi per la Usb – dato lo stato di forte crisi occupazionale insistente sul territorio di Civitavecchia, i lavoratori della Mario Guerrucci srl, con grande senso di responsabilità – sottolineano – ed al solo fine di mantenere il dato occupazionale, hanno mandato alle rappresentanze sindacali presenti in azienda di continuare la trattativa, sulla base dell’apertura dell’azienda a superare i licenziamenti con un Contratto di solidarietà».
Dopo settimane di incertezze sembra esserci, finalmente, una svolta o, quantomeno, un po’ di chiarezza per i lavori che hanno vissuto sino ad oggi con la paura di forti licenziamenti da parte dell’azienda.
«Questo contratto – spiegano le Organizzazioni sindacali presenti all’incontro – dovrà avere quale principale caratteristica il minor impatto possibile sui redditi dei lavoratori e delle loro famiglie che in gran parte – sottolineano Bonomi e Palmieri – sono monoreddito, vista anche la positiva situazione economico finanziaria della Mario Guerrucci srl».
Proprio questa situazione positiva aveva reso l’annuncio dei licenziamenti un vero e proprio fulmine a ciel sereno: «Non potrà, quindi, essere accettato un drastico e pesante calo della retribuzione dei lavoratori interessati con uso eccessivo del contratto di solidarietà. Le Organizzazioni sindacali presenti si riservano, in caso di eccessivo utilizzo del suddetto, di tornare alla mobilitazione, anche per la tutela dei redditi dei lavoratori e delle loro famiglie».
 

ULTIME NEWS